Costruisce mazza chiodata per picchiare compagno della ex, denunciato

Di allontanarsi dalla vita della sua ex moglie non ne vuole sapere e anche dopo la separazione giudiziale ha continuato ad avere nei suoi confronti atteggiamenti aggressivi e persecutori. Nell’ultimo mese l’uomo, un operaio 42enne incensurato, ha indirizzato tali atteggiamenti anche nei confronti del nuovo compagno della donna avviando nei suoi confronti un comportamento ossessivo tanto da costringerlo a cambiare radicalmente le sue abitudini di vita.

E’ riuscito con sotterfugi ad ottenere il suo nuovo numero di telefono, cambiato da poco, e per rendergli esplicite le sue intenzioni gli ha inviato tramite Whatsapp la foto di una mazza chiodata da lui costruita con alcuni chiodi ed il manico di un piccone riferendogli che la custodiva in auto per usarla su di lui al primo incontro. La vittima, spaventatissima, si è rivolta alla Polizia e oltre che formalizzare in Questura una querela per avere giustizia ha richiesto, con urgenza, di fermare l’uomo.

Sono quindi passati all’azione gli investigatori della Divisione Anticrimine, diretti dal Primo Dirigente Valeria Pagano, i quali hanno innanzitutto rintracciato l’autore di tali azioni delittuose; aperta la sua auto, nel cofano, il sequestro della mazza, la prova del suo comportamento minaccioso che peraltro l’indagato ha anche ammesso. Per lui una denuncia penale, di cui dovrà rendere conto alla Giustizia, e un ammonimento del Questore perché cambi radicalmente condotta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*