Corciano, ristoratore denuncia un furto, a sua volta denunciato per furto di piante

Polizia
Polizia
Polizia

Titolare di un ristorante denuncia due persone per il furto di alcune attrezzature, a sua volta era stato già denunciato per furto di piante da un vivaio. Della serie: chi la fa l’aspetti. La singolare vicenda è accaduta a Corciano dove venerdì mattina una pattuglia della squadra volante è intervenuta dopo che il titolare di un ristorante aveva segnalato un furto in atto presso il suo locale. Al loro arrivo gli agenti hanno trovato il titolare dell’attività che discuteva animatamente con A.I.A.A., egiziano, 30anni, e I.A., rumeno, 27 anni.

Costoro stavano caricando su un furgone varie attrezzature collocate all’esterno del ristorante, tra cui due banconi e un lavandino in acciaio, una vasca con sgocciolatoio e diversi rottami di rame, del peso complessivo di 35 chili. I due si sono giustificati dicendo che erano stati autorizzati a prelevare tali oggetti, che non erano altro che rifiuti da smaltire. Il ristoratore, tuttavia, ha negato di aver mai richiesto un tale intervento, spiegando che il materiale si trovava al di fuori del locale in vista di un imminente ristrutturazione. Detto ciò, ha manifestato la ferma intenzione che si procedesse contro i due individui, i quali infatti sono stati denunciati dalla polizia per tentato furto .

La nota curiosa della vicenda, tuttavia, è emersa al rientro in Questura, dove il proprietario del ristorante ha presentato la querela.

Infatti, mentre l’uomo era ancora impegnato nei suoi strali contro i due ladri, è emerso che anche la sua posizione non fosse propriamente immacolata: di recente, è stata sporta querela nei sui confronti, a sua volta resosi responsabile del furto di alcune piante ornamentali, trafugate da un vivaio, del valore superiore ai 200 euro.

In quell’occasione, egli aveva caricato le piante su un’auto durante l’orario di apertura del negozio, per poi allontanarsi con grande non chalance. La sua individuazione è stata comunque possibile grazie al numero di targa del veicolo, ripreso dalle telecamere di videosorveglianza. A quel punto, il vivaista ha denunciato il furto; l’uomo è stato costretto ad offrirgli una somma a titolo di risarcimento affinché fosse rimessa la querela.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*