Controlli interforze sul territorio ad Orvieto

Come stabilito dal Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica

Controlli interforze sul territorio ad Orvieto

Controlli interforze sul territorio ad Orvieto

Di seguito a quanto stabilito in sede di Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica, ed in attuazione del nuovo Piano di Controllo Coordinato del Territorio, ieri ad Orvieto, sono stati effettuati straordinari servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione dei reati “predatori”, della microcriminalità, dell’immigrazione clandestina e del c.d. “pendolarismo criminale”, con controlli specifici presso la stazione FF. SS. e presso il casello autostradale A1. I servizi sono stati espletati, in modo sinergico, nel corso della mattinata da: 3 equipaggi del Commissariato di P. S. di Orvieto, 3 equipaggi della Compagnia Carabinieri di Orvieto, un equipaggio della Tenenza della Guardia di Finanza di Orvieto, un equipaggio della Polizia Municipale di Orvieto, un equipaggio della Sottosezione della Polizia Stradale di Orvieto, per i controlli al casello autostradale, e da personale Polfer di Orvieto per i controlli presso la stazione ferroviaria di Orvieto.

Nella serata di ieri, sono stati attuati analoghi servizi di controllo, diretti in particolar modo nei confronti di avventori di esercizi pubblici (bar e sale giochi), con l’impiego di due equipaggi del Commissariato di P.S. di Orvieto e da 3 equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine “Umbria – Marche”. I servizi di controllo si sono svolti nei quartieri sia centrali che periferici, presso il mercato rionale, le strade del centro storico, ed in particolare nelle le zone che in passato hanno registrato la commissione di furti in abitazione. Nel corso dei servizi sono state identificate oltre 100 persone, 17 dei quali con precedenti di polizia a carico, controllate 55 autovetture e 5 esercizi pubblici. E’ stata elevata una sanzione amministrativa, per l’importo di euro 5.000, per commercio abusivo itinerante nei confronti di un cittadino Gambiano, al quale è stata peraltro sequestrata tutta la merce.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*