Contraffazione e abusivismo commerciale, interventi della Finanza

Le maggior parte delle irregolarità è stata riscontrata all’interno di esercizi commerciali gestiti da soggetti di etnia cinese e bengalese

Contraffazione e abusivismo commerciale interventi della Finanza

Contraffazione e abusivismo commerciale interventi della Finanza

Nei giorni 9 e 10 febbraio, il Comando Regionale Umbria ha disposto l’esecuzione di un piano straordinario di interventi per il contrasto alla contraffazione, all’abusivismo commerciale e per la tutela della sicurezza dei prodotti.

L’operazione, che ha visto impegnati tutti i Reparti dislocati nella Regione, si è articolata su numerosi interventi, nel corso dei quali sono state contestate, complessivamente, 16 violazioni amministrative e sequestrati oltre 40.000 prodotti.

Le maggior parte delle irregolarità è stata riscontrata all’interno di esercizi commerciali gestiti da soggetti di etnia cinese e bengalese ed ha riguardato le violazioni al “Codice del consumo”, dovute alla commercializzazione di articoli ritenuti “non sicuri” in quanto privi della relativa composizione merceologica, della corretta etichettatura nonché del Paese d’origine.

Fra questi, pezzi di elettronica, accessori per l’abbigliamento, cosmetici, giocattoli e bigiotteria.

Sono stati, inoltre, denunciati all’Autorità Giudiziaria due responsabili, tra cui un discjokey trovato in possesso di diversi supporti informatici contenenti files musicali illecitamente riprodotti ed il titolare di un esercizio commerciale a cui sono state sequestrate numerose cover per cellulare e persino sistemi audio bluetooth, riproducenti marchi contraffatti.

Il piano di interventi disposto dal Comando Regionale Umbria si colloca nell’ambito della missione istituzionale del contrasto all’illegalità economica e finanziaria, con lo scopo di reprimere i fenomeni di abusivismo e tutelare il corretto andamento del mercato dei beni e dei servizi.

Infatti, il rispetto delle regole in materia di libera concorrenza costituisce presupposto essenziale per la salvaguardia degli onesti operatori del settore.

Contraffazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*