Confiscato patrimonio di un pericoloso ‘ndranghetista

E' un pluripregiudicato calabrese appartenente alla ‘ndrangheta, già condannato

Confiscato patrimonio di un pericoloso ‘ndranghetista

Nei giorni scorsi i Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Perugia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di confisca emessa dal locale Tribunale nei confronti di un pluripregiudicato calabrese appartenente alla ‘ndrangheta, già condannato, con sentenza passata in giudicato, per responsabilità in un vasto traffico di sostanze stupefacenti che riguardò il capoluogo umbro.

A seguito della pronuncia è stata avviata un’articolata attività d’indagine, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Perugia, ad opera degli “specialisti” del GICO delle Fiamme Gialle, che ha permesso di individuare un patrimonio, frutto del reimpiego di capitali illeciti, fittiziamente intestato dall’uomo a sua moglie ma, di fatto, nella sua piena ed incondizionata disponibilità.

La significativa carriera criminale del pregiudicato calabrese, che aveva avuto inizio dai primi anni 90’ e aveva raggiunto il suo apice con un omicidio commesso nell’anno 2012 a Roma, gli aveva infatti consentito di accumulare notevoli disponibilità economiche, poi reimpiegate anche per l’acquisto di beni mobili ed immobili.

Gli accertamenti esperiti dalle Fiamme Gialle perugine nei confronti del soggetto destinatario del provvedimento, nonché del relativo nucleo familiare, hanno consentito la ricostruzione analitica dei flussi di denaro e dei singoli investimenti effettuati, dimostrando l’evidente sperequazione tra i redditi leciti, dichiarati al fisco, e l’incremento patrimoniale accertato.

Al termine della minuziosa analisi reddituale veniva quindi cristallizzata e rapportata alla Procura del capoluogo umbro l’oggettiva sproporzione accertata tra i beni riconducibili al condannato e la sua reale capacità contributiva.

La Direzione Distrettuale Antimafia, concordando con le valutazioni espresse dai militari del G.I.C.O. del Nucleo pt di Perugia – ne chiedeva, quindi, la confisca, ai sensi della specifica normativa (art.12 sexies D.L. 356/1992), che il Tribunale, verificata la sussistenza dei requisiti ed al termine del contradittorio con la parte, disponeva relativamente ad un appartamento e relative pertinenze sito in Cirò Marina (KR), 3 autoveicoli e disponibilità bancarie per un valore complessivo di circa 300 mila euro.

I beni così cautelati verranno a breve rimessi nella disponibilità dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*