Con 100 grammi di cocaina, Polizia arresta marito e moglie

L’intensificazione dei servizi di controllo del territorio disposti dal Questore di Terni, mirati al contrasto dello spaccio di stupefacenti, ha portato ad ulteriori arresti grazie anche alla proficua attività congiunta di vari Uffici della Questura.

Ieri pomeriggio, infatti, gli agenti della Squadra Mobile, diretta dal dott. Alfredo Luzi, hanno arrestato due coniugi, F.F. 33enne ternano e L.P. 42enne di origini albanese, per detenzione a fine di spaccio di sostanza stupefacente.

L’uomo era sfuggito nei giorni scorsi ad un controllo degli uomini della Squadra Volante che nel pomeriggio di ieri lo hanno bloccato nel centro cittadino riconoscendolo subito quale noto spacciatore.

Il fermo dell’uomo ha quindi attivato gli agenti della sezione antidroga della Squadra Mobile che hanno pedisposto un intervento congiunto nei due appartamenti in uso a F.F. al fine di verificare se questi detenesse sostanza stpefacente.

Gli agenti della Polizia di Stato hanno infatti rinvenuto e sequestrato in uno dei due appartamenti, dove era presente la moglie dell’uomo, un sacchetto contenente 100 grammi di cocaina purissima e varie dosi di stupefacente pronte per essere distribuite, bilancini di precisione, bustine di cellophane ritagliate, circa 1000 euro e appunti con nomi riportanti l’indicazione di somme di danaro.

Lo spaccio della droga sequestrata avrebbe fruttato alcune migliaia di euro. I due arrestati sono stati condotti presso la locale casa circondariale a disposizione del Sostituto Procuratore dott.ssa E. Massini che coordina le indagini.

Sempre nel corso nei controlli finalizzati al contrasto dello lo spaccio di stupefacenti, nella tarda serata di ieri gli agenti della Polizia di Stato hanno bloccato in piazza Solferino un giovane 32enne trovato in possesso di una modica quantità di hashish.

L’uomo, che ha riferito di assumere abitualmente la sostanza stupefacente per “prendere sonno”, è stato condotto in Questura e segnalato alla Prefettura per i provvedimenti amministrativi del caso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*