PERUGIA, CONTROLLI MISURE DETENZIONE ALTERNATIVA E SORVEGLIANZA SPECIALE

Questura Perugia
Questura Perugia
Questura Perugia

(umbriajournal.com) PERUGIA – Nel decorso fine settimana, personale della Squadra Volante – Ufficio Prevenzione Generale e della Squadra Anticrimine del Commissariato hanno posto in essere una sistematica azione di controllo nei confronti di soggetti posti in regime alternativo di pene detentive, arresti domiciliari, e colpiti da misure di prevenzione, in particolare sorveglianza speciali. In totale sono stati controllati 21 soggetti, 15 agli arresti domiciliari e 6 sottoposti alla sorveglianza speciale.

In casa di A.R. tunisino di anni 29, posto agli arresti domiciliari per detenzione e spaccio di stupefacenti, è stato trovato chiuso nel bagno altro cittadino tunisino, A.M. di anni 28, pregiudicato e privo di permesso di soggiorno; sono state inoltrate alla A.G. competente le segnalazioni del caso in ordine alla violazione delle prescrizioni imposte in regime di detenzione domiciliare.

Medesimo caso accaduto nei confronti di G.S. di origine napoletana, in detenzione domiciliare per spaccio di sostanze stupefacenti, di anni 22, trovato in compagnia di cittadina italiana, T.A. di anni 21, ench’ella di origine napoletana.

A.J.K., marocchino di anni 25, agli arresti domiciliari è stato sorpreso a chattare su un social network, malgrado le prescrizioni preclusive imposte dall’A.G. nei suoi confronti; anche per quest’ultimo sono state inoltrate le opportune segnalazioni. In considerazione dell’ennesima reiterazione degli obblighi imposti, per i primi due controllati, è stata richiesta la revoca degli arresti domiciliari, in favore della detenzione in carcere.

Per quanto concerne le misure di prevenzione è stato segnalato all’A.G. competente, F.G. di anni 38, cittadino italiano, di origine campana, in quanto all’atto del controllo posto in essere alle prime ore del mattino, non è stato trovato in casa, come da prescrizioni imposte.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*