Città di Castello, carabinieri intervengono per lite, ma denunciano un 22enne per droga

CARABINIERICITTA’ DI CASTELLO – Due persone sono state denunciate nei giorni scorsi dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Città di Castello. Si tratta di un 22enne extracomunitario residente a Città di Castello e di un 24enne, anch’egli straniero, residente ad Umbertide.
Alcune sere fa alcuni vicini, udendo delle urla provenire da un’abitazione della periferia sud di Città di Castello, hanno richiesto al 112 l’intervento di una pattuglia. I militari, una volta sul posto, hanno accertato che due fidanzati avevano litigato per futili motivi e che la situazione era comunque tornata alla normalità. Un Carabiniere, mentre stava per lasciare l’abitazione, ha notato sul pavimento un frammento di sostanza di colore marrone che, una volta raccolto, si è rivelato hascisc. L’intervento per lite si è quindi tramutato in una perquisizione domiciliare nel corso della quale sono stati rinvenuti sette grammi di hascisc, suddivisi in diversi pezzi, nonché due bilancini elettronici di precisione. Il 22enne è stato quindi denunciato per detenzione di stupefacenti.

Ad Umbertide invece, sempre una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Città di Castello, domenica pomeriggio ha denunciato uno straniero 24enne. Il giovane è stato notato a bordo di uno scooter mentre, con atteggiamento sospetto, girovagava nei pressi di un parco pubblico. I Carabinieri lo hanno fermato ed identificato. Addosso non aveva ne stupefacenti ne arnesi da scasso. Quando però i militari hanno chiesto i documenti del ciclomotore e l’interessato ha detto di averli dimenticati a casa, è stato chiaro che c’era qualcosa di strano. Gli accertamenti immediatamente effettuati hanno infatti consentito di accertare che, nonostante non fosse ancora stata formalizzata la denuncia, lo scooter era stato rubato due giorni prima ad uno studente di Perugia. Il 24enne dovrà rispondere del reato di ricettazione.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*