Primi d'Italia

Celebrato a Perugia il 203esimo anno dalla Fondazione dell’Arma

La bicentenaria storia dell’Arma quest’anno si è ulteriormente arricchita

Celebrato a Perugia il 203esimo anno dalla Fondazione dell'Arma

Celebrato a Perugia il 203esimo anno dalla Fondazione dell’Arma

PERUGIA – Oltre 200 anni. A Perugia la celebrazione per  il 203° Annuale della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri è avvenuta oggi nella “Caserma Garibaldi” in Corso Cavour. L’evento è iniziato con la rievocazione del Comandante della Legione Carabinieri, Generale di Brigata Francesco Benedetto, la consegna di ricompense ai militari particolarmente distintisi nell’attività di servizio ed, infine, un intervento dimostrativo da parte dell’Unità Artificieri del Comando Provinciale di Perugia.

Erano presenti le massime autorità civili, militari ed ecclesiastiche regionali, soci dell’Associazione Nazionale Carabinieri, il Co.Ba.R., rappresentanze delle varie associazioni combattentistiche e d’Arma e i gonfaloni della Città di Perugia, della Regione Umbria e della Provincia di Perugia.

La fondazione dell’Arma dei Carabinieri risale al 13 luglio del 1814 con le Regie Patenti, promulgate da Vittorio Emanuele I, nascono i Carabinieri Reali, con la duplice funzione della difesa dello Stato e della tutela della sicurezza pubblica, con speciali doveri e prerogative. Da quel giorno sono passati 203 anni, che l’Arma dei Carabinieri ha vissuto da protagonista in tutti gli eventi che hanno caratterizzato la storia d’Italia, anche con la proiezione in molteplici impegni internazionali per la pace e la sicurezza in diversificate aree di crisi nelle quali, operando con impegno, senso del dovere, disciplina, tenacia, senso di giustizia, l’Arma svolge la sua diuturna attività.

Analogamente, dall’Unità d’Italia ad oggi, l’Arma dei Carabinieri ha operato in Umbria, dove attualmente è presente  con le seguenti strutture:

  • un Comando Legione, cui risalgono la responsabilità della gestione del personale e le funzioni di direzione, di coordinamento e controllo dell’attività dei Comandi Provinciali;
  • due Comandi Provinciali (Perugia e Terni), che hanno competenza sulla rispettiva provincia amministrativa ed esercitano le funzioni di comando e controllo dei reparti dipendenti. Hanno la responsabilità dell’analisi e del raccordo delle attività operative e di contrasto della criminalità, condotte nella provincia anche dai reparti speciali.
  • undici Comandi di Compagnia, che coordinano l’attività di un numero variabile di Stazioni ed hanno organi propri (Centrale Operativa e Nucleo Operativo e Radiomobile), che assicurano il pronto intervento nelle 24 ore e sviluppano autonome capacità operative di contrasto delle manifestazioni di criminalità a rilevanza locale;
  • una Tenenza con sede a Norcia, alle dipendenze della Compagnia di Spoleto, che si occupa del controllo del territorio dell’omonimo Comune;
  • 95 Comandi Stazione con la responsabilità diretta del controllo del territorio e delle connesse attività istituzionali. Rappresentano, con la loro distribuzione capillare su tutto il territorio, la tradizionale vocazione di vicinanza alla popolazione, che caratterizza l’Arma dei Carabinieri sin dalla sua fondazione;
  • un Nucleo Antisofisticazione con il compito specifico di tutelare la salute;
  • un Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale con il compito specifico di tutelare l’ingente patrimonio culturale della Regione ;
  • due Nuclei Ispettorato del Lavoro (Perugia e Terni), che si occupano della regolarità e sicurezza dei lavoratori, nonché dei luoghi di lavoro;
  • una Sezione Anticrimine (articolazione del R.O.S.) con compiti operativi di analisi e repressione di particolari fenomeni di criminalità organizzata, eversione e terrorismo.

La bicentenaria storia dell’Arma quest’anno si è ulteriormente arricchita, avendo assorbito il prestigioso Corpo Forestale dello Stato che, dal 1° gennaio 2017, in stretta discendenza del D. Lgs. N. 177 emanato lo scorso anno, costituisce parte integrante dei ranghi della “Benemerita”.

A seguito della disposizione normativa sopra richiamata, a livello nazionale circa 8.000 appartenenti all’ex Corpo Forestale dello Stato sono stati incorporati nell’Arma dei Carabinieri, confluendo in un nuovo comando di alto livello, costituito all’uopo e denominato “Comando Unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare”, riconfigurato dal 1° giugno ed articolato su un Comando per la Tutela Forestale, un Comando per la Tutela delle Biodiversità e Parchi, un  Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari  e un Comando per la Tutela dell’Ambiente, da cui dipende il Nucleo Operativo Ecologico di Perugia che opera, su tutto il territorio regionale, per il contrasto dei reati in materia ambientale. Con tale provvedimento è stata costituita un’organizzazione operativa altamente specializzata nei settori di specifica competenza, capace di valorizzare appieno, grazie ad una proficua sintesi sinergica, preziose professionalità seppure di provenienza e formazione diverse.

Il già articolato dispositivo dell’Arma dei Carabinieri, caratterizzatosi da sempre per la capillare punteggiatura sul territorio nazionale fondata, principalmente, sull’attività di Compagnie, Tenenze e Stazioni, si è così arricchito, per quanto concerne la Regione Umbria, di ulteriori 240 appartenenti all’ex “Corpo Forestale dello Stato”, che oggi fanno capo al Comando Regione Carabinieri Forestale Umbria, articolato su due Comandi Gruppo a livello provinciale (Perugia e Terni) e nr. 34 Stazioni Carabinieri Forestali (13 nella provincia di Perugia ed 11 in quella di Terni), alle quali si aggiungono il Reparto Carabinieri per la Biodiversità di Assisi, da cui dipende il Nucleo Carabinieri Tutela della Biodiversità di Formichella-Orvieto, e la Stazione Carabinieri Parco Nazionale dei “Monti Sibillini” di Norcia. Tale patrimonio di conoscenze e competenze integra, quindi, in maniera assolutamente complementare e simbiotica l’attività preventiva e repressiva già svolta dai Reparti Territoriali e Speciali dell’Arma dei Carabinieri, estendendo in maniera significativa il campo di intervento in particolare nei settori forestale, ambientale ed agroalimentare.

Perugia, Celebrato il 203esimo anno dalla Fondazione dell’Arma

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*