Catturato dalla Polizia di Perugia “boss” dello spaccio pluripregiudicato tunisino

Sami DRIDI, conosciuto dalla Polizia anche con il nome di Sofian HIDOUSSI , ma anche Anoir TARHOUNI , tunisino quarantunenne, pluripregiudicato e coniugato con una cittadina italiana perugina, tra le varie vicende criminali delle quali si è reso protagonista fin dal suo arrivo a Perugia, in particolare, era stato accuratamente e per diverso tempo “osservato” e monitorato dagli uomini della Sezione “Antidroga” della Squadra Mobile, diretti dal Dott. CHIACCHIERA, nel corso di un’operazione antidroga di circa 10 anni fa denominata “Pollicino”.

L’operazione “Pollicino” viene svolta a carico di un gruppo “misto” dedito al traffico di sostanze stupefacenti e composto da soggetti di origine maghrebina, nigeriana e da complici italiani, per un totale di 15 persone.

Tutti gli indagati sono attivamente impegnati nell’introduzione, nella preparazione, nel confezionamento e nella cessione al dettaglio di “eroina” e “cocaina”, in varie zone della città, secondo uno schema organizzativo estremamente efficace, basato su un continuo “interscambio” di stupefacente o di cessioni, per cui un cliente il quale avesse contattato un pusher al momento sprovvisto, veniva comunque soddisfatto rivolgendosi ad un “collega” corrispondente, magari operativo su un’altra zona della città, ma prontamente reperibile all’occorrenza: una sorta di società “cooperativa” dello spaccio.

L’odierno interessato, era ai vertici della compagine “maghrebina” dell’organizzazione criminale, particolarmente impegnato nel reperimento, nel confezionamento e nel successivo spaccio delle dosi, che distribuiva ai tossicodipendenti/acquirenti di San Marino, Via Eugubina, Ponte Rio e Ponte Felcino,  facendo base nell’abitazione della propria compagna, perugina, ubicato a Montelaguardia.

Gli impegni del trafficante erano intensissimi e lo stesso comunicava con i suoi collaboratori e corrispondenti, con varie utenze telefoniche cellulari di volta in volta dismesse e sostituite, sostituendosi spesso ad essi nelle cessioni o chiedendo loro di fare altrettanto, sia al fine di sopperire alle contingenti carenze di sostanza stupefacente, sia per eludere e confondere le attività della Polizia, ma evidentemente senza successo.

La ricostruzione operata dalla Squadra Mobile, infatti, consentiva di delineare chiaramente la consistenza del sodalizio criminale e di deferire 15 soggetti, quasi tutti in custodia cautelare se non arrestati in flagranza nel corso dei vari recuperi di droga effettuati.

DRIDI, in particolare, veniva tratto in arresto in ben 6 diverse occasioni, sempre ai sensi dell’art. 73 del DPR. 309 del 1990, nel corso di questa e di altre indagini della Polizia. Lenta, ma inattesa ed inesorabile, l’ora del “conto” con la giustizia è giunta anche per lui. Nel pomeriggio dello scorso lunedì 15 giugno, è scattato il blitz a cura degli uomini della Prima Sezione “Criminalità Organizzata” diretti dal Dott. Piero CORONA. Dopo una accurata e silenziosa osservazione dei luoghi frequentati dal catturando, lo stesso, ignaro della sorpresa che lo attendeva, è stato sorpreso a Perugia ed accompagnato in Questura, dove gli è stato notificato un provvedimento esecutivo per la carcerazione, emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Perugia, per il quale dovrà scontare ben 5 anni e 4 mesi di reclusione a Capanne, nonché pagare una salatissima multa di Euro 20000,00. Innumerevoli, a carico del catturato, i precedenti penali e di polizia, compiuti tra Trapani, Aversa (Ce) ma soprattutto a Perugia, dove ha accumulato una lunga serie di segnalazioni ed arresti in flagranza per spaccio di sostanze stupefacenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*