Carceri, tortura, droga: tre leggi per la giustizia e i diritti

Rapinatrice torna in carcere, aveva droga in casa

carcere femminile(UJ.com3.0) PERUGIA – Giovedì 9 maggio, dalle 09:00 alle 12:30, davanti al 100Dieci Caffè di via Pascoli a Perugia, sarà possibile firmare le tre proposte di legge di iniziativa popolare della campagna “Tre leggi per la giustizia e i diritti” finalizzate a introdurre il delitto di tortura nel codice penale, a cambiare la legge Fini-Giovanardi sulle droghe e a ripristinare la legalità nelle carceri affollate. “Ci appelliamo ai cittadini, agli operatori della giustizia, ai parlamentari perché firmino le tre proposte. Sarebbe un bel segnale se anche esponenti delle forze politiche ssottoscrivessero le nostre proposte tutte nel segno della giustizia, della democrazia e dei diritti umani”. Così scrivono le organizzazioni promotrici A Buon diritto, Acat Italia, Adu, A Roma, insieme–Leda Colombini, Antigone, Arci, Associazione Federico Aldrovandi, Associazione nazionale giuristi democratici, Associazione Saman, Bin Italia, Cgil, Fp-Cgil, Conferenza nazionale volontariato giustizia, Cnca, Coordinamento dei Garanti dei diritti dei detenuti, Fondazione Giovanni Michelucci, Forum Droghe, Forum per il diritto alla salute in carcere, Giustizia per i Diritti di Cittadinanzattiva Onlus, Gruppo Abele, Gruppo Calamandrana, Il detenuto ignoto, Itaca, Libertà e Giustizia, Medici contro la tortura, Naga, Progetto Diritti, Ristretti Orizzonti, Società della Ragione, Società italiana di Psicologia penitenziaria, Unione Camere penali italiane, Vic – Volontari in carcere. I dettagli sulle tre proposte, sulle iniziative e sulla campagna sul sito www.3leggi.it.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*