Caramelle gusti nauseanti, dimessa stamane la bambina ricoverata

Morta la 25enne ferita nell'incidente sull'A1

Nella tarda mattinata di oggi molto è stata dimessa la bambina di 11 anni , ricoverata dai medici della struttura complessa di Pediatria per i ripetuti episodi di vomito e di altri disturbi di carattere intestinale, accusati dopo aver ingerito caramelle dai gusti nauseabondi.

Fa il punto della situazione il direttore della struttura di Pediatria prof Alberto Verrotti: “La bambina è stata trattenuta in osservazione per i molteplici episodi di vomito nell’arco di tutta la giornata di ieri; dopo la visita medica in programma a metà mattinata e la ulteriore verifica degli esami del sangue, salvo imprevisti procederemo alle sue dimissioni ‘. Quali possono essere state le cause scatenanti dei disturbi accusati da così tanti alunni?

“Più che di un prodotto avariato – è l’ipotesi del Prof.Verrotti – ritengo sia stato il gusto delle caramelle a scatenare i disturbi dei bambini presentatisi alla nostra osservazione.Un gusto analogo a quello del cibo avariato.In questo modo credo si debba inquadrare il fenomeno di quanto accaduto, ma è anche evidente che dovranno essere fatti controlli sia sulla composizione del prodotto, che sul messaggio assolutamente censurabile che pubblicizza questo tipo di caramelle,istigando dei bambini ad accettare una sorta di sfida per metterlo alla prova nel confronto con odori nauseanti”.

Sempre i medici della Pediatria che hanno curato i bambini riferiscono, tramite l’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, che i genitori presenti nella struttura erano ‘moderatamente’ preoccupati per la situazione di salute dei loro figli ed che hanno collaborato nel recupero dei sacchetti di caramelle sotto osservazione, che sarebbero stati acquistati in edicola.Da sottolineare Il commento di un genitore : “Una volta in edicola si compravano esclusivamente le figurine dei calciatori,mentre ora..”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*