CARABINIERI DI SPOLETO: 2 ARRESTI PER FURTO E RESISTENZA

capiatoRUFINOcarabinieriSPOLETO
Capitano Rufini

(UJ.com3.0) SPOLETO – I carabinieri della Stazione di Trevi, nel corso dei servizi di prevenzione dei reati contro il patrimonio ed in special modo dei furti in abitazione ed ai danni di esercizi commerciali, nella giornata di ieri  hanno tratto in arresto per furto aggravato una donna di nazionalità rumena di 27 anni, residente da tempo a Foligno. La donna è stata sorpresa dalla pattuglia della Stazione, recatasi per un controllo in un negozio di Torre Matigge, dopo avere oltrepassato le casse senza pagare alcuni profumi che aveva occultato in una borsa. Anche se infatti la ragazza aveva staccato le placche antitaccheggio, il sistema di allarme era comunque scattato, attirando l’attenzione dei militari che bloccavano subito la donna, scoprendo che la stessa si era appropriata di alcuni profumi e cosmetici di marca, del valore di circa 200 euro, recuperati e immediatamente restituiti al negozio.

 

La straniera è stata quindi arrestata per furto aggravato e trattenuta presso le camere si sicurezza in attesa del giudizio di convalida. A carico della donna è stata anche avanzata richiesta di emissione di un foglio di via obbligatorio dal comune di Trevi. Nei giorni scorsi invece, la Stazione di Giano dell’Umbria ha tratto in arresto un 40enne italiano, con diversi precedenti penali, per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale. Il predetto, alloggiato in una casa di accoglienza ove era sottoposto a sorveglianza speciale di P.S., preso da un impeto d’ira si era chiuso in camera, cominciando ad auto lesionarsi ed a  distruggere mobili e suppellettili. Né i responsabili della struttura, né i sanitari erano riusciti a riportarlo alla calma e quindi richiedevano l’intervento dei Carabinieri. L’uomo si scagliava anche sui militari giunti sul posto, oltraggiandoli e minacciandoli e pertanto veniva tratto in arresto e condotto presso l’ospedale di Foligno ove veniva ricoverato per le lievi ferite che si era causato.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*