Carabiniere libero dal servizio sventa un furto in appartamento a Città di Castello

Ladri ritornato a San Vetturino-Montebello, comincia volantinaggio
Ladri ritornato a San Vetturino-Montebello, comincia volantinaggio

Due minorenni (16 e 17 anni) di etnia rom provenienti da un campo nomadi di Roma, sono state fermate nella tarda mattinata di ieri mentre tentavano di commettere un furto in un’abitazione del quartiere Graticole di Città di Castello. Ad accorgersi delle due, ed a sventare il furto, è stato un Brigadiere dei Carabinieri libero dal servizio.

Verso le 13.30 il militare ha notato una ragazza all’esterno del giardino di un’abitazione. Insospettito dal suo atteggiamento si è avvicinato notando che, vicino ad una porta finestra del pian terreno, vi era una seconda ragazza. Le giovani presunte ladre si sono accorte di essere state scoperte e si sono date alla fuga a piedi. Il Brigadiere ha immediatamente avvisato la centrale operativa della Compagnia Città di Castello che ha inviato sul posto pattuglie della locale Stazione e del Nucleo Operativo e Radiomobile. Dopo una brevissima ricerca le ragazze sono state rintracciate ed accompagnate in caserma.

Sebbene prive di documenti di identità, grazie alle impronte digitali è stato possibile identificarle, scoprendo così che, a dispetto della giovane età, in passato sono state arrestate e denunciate già molte volte, quasi sempre in seguito alla commissione di furti. Nel prosieguo delle indagini è stato accertato che le minori, prima di essere scoperte dai Carabinieri, avevano tentato di penetrare anche in un altro appartamento della zona, venendo però messe in fuga dal proprietario, improvvisamente rientrato a casa. L’uomo però non aveva informato dell’accaduto le Forze dell’Ordine.

Al termine delle formalità di rito, e su disposizione della competente Autorità Giudiziaria, le presunte ladre sono state denunciate in stato di libertà con l’accusa di tentato furto in abitazione ed affidate ai servizi sociali del Comune.

Con l’occasione si ribadisce l’importanza di segnalare sempre e con tempestività alle Forze dell’Ordine la presenza di persone o veicoli sospetti.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*