Camorra, arrestato a Terni Pasquale Sibillo – Foto e video

Camorra, arrestato a Terni Pasquale Sibillo - Foto e video
Camorra, arrestato a Terni Pasquale Sibillo - Foto e video

Camorra, arrestato a Terni Pasquale Sibillo
Pasquale Sibillo, fratello di Emanuele, ucciso in un agguato, boss della cosiddetta ‘Paranza dei bambini’, e’ stato arrestato a Terni dalla polizia. Il 26enne era ricercato dal giugno scorso. Pasquale Sibillo, classe 1991, detto Lino, secondo il racconto di molti pentiti era a capo di una cosca che ha creato un cartello, quello dei giovani camorristi del quartiere di Forcella, che sta tentando di avere il controllo del centro storico di Napoli, opponendosi anche al potente clan Mazzerella.

A maggio scorso era stato bersaglio di un agguato nel quale pero’ era riuscito ad anticipare l’azione dei sicari; meno fortunato il fratello Emanuele, ucciso il 9 giugno in via Oronzio Costa, sempre a Forcella. Secondo quanto si e’ appreso contestualmente al suo arresto a Terni, sono in corso diverse perquisizioni.

Sibillo si e’ allontanato dalla sua abitazione in via Santi Filippo e Giacomo la notte del 9 giugno scorso, poco prima che scattasse il blitz che ha portato in carcere una cinquantina di affiliati a cosche del quartiere di Napoli di Forcella poi diventate note come ‘ la paranza dei bambini’, espressione usata da un indagato per designare il cartello di giovani e giovanissimi che nel centro storico del capoluogo campano prova a contrastare clan storici. Tra la lista dei destinatari di quel provvedimento anche il suo nome, oltre a quello di suo fratello Emanuele, ucciso con un colpo alla schiena in via Oronzio Costa qualche giorno prima. Pasquale Sibillo, ritenuto uno dei piu’ spietati killer di camorra degli ultimi anni, e’ diventato una figura carismatica negli ambienti della malavita organizzata, creando il cartello Amirante-Sibillo-Giuliano-Brunetti contro i Mazzarella.

“Lino” Sibillo, oltre che per associazione a delinquere di stampo mafioso, aggressioni e scorribande armate, e’ indagato anche per aver imposto il pizzo a una commerciante e di averle ordinato di lasciargli l’appartamento. Dalle indagini sono emerse, molte estorsioni, nelle zone di Forcella, della Maddalena e dei Tribunali, ai danni di commercianti e piccoli imprenditori, e di parcheggiatori abusivi costretti a versare alcune centinaia di euro al mese. I Sibillo controllano le zone di San Biagio dei Librai, Largo Donna Regina e piazza Bellini.


Camorra, Arrestato A Terni Pasquale Sibillo

Flickr Album Gallery Powered By: Weblizar

 

 

Camorra

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*