Primi d'Italia

Caldo: sei i casi di cittadini ricorsi al Pronto Soccorso di Perugia per disidratazione

Il perdurare delle alte temperature di questo periodo di Luglio, non ha sostanzialmente provocato conseguenze dirette sui cittadini, oramai consapevoli nel rispettare i consigli dei medici. Solo casi sporadici, tutti risolti dopo una breve osservazione al Pronto Soccorso del S. Maria della Misericordia. Si è trattato di malori di lieve entità: “Sei persone di età diversa, che hanno accusato disturbi legata a disidratazione, si sono presentati alla nostra osservazione – spiega il Dr.Mario Capruzzi direttore del Pronto Soccorso: è stato sufficiente reintegrare i liquidi e nel giro di un paio di ore tutti i pazienti sono stati dimessi”.

Nella nota diffusa dall’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia viene comunicato che ,nonostante la grande affluenza di spettatori ai concerti di Umbria Jazz, non sono pervenute al 118 richieste di soccorso legate al caldo.Nelle ultime 24 ore, viene anche precisato nella stessa nota, sono stati dieci i ricoveri di pazienti anziani ricoverati per il riacutizzarsi di patologie cardiovascolari e respiratorie, accentuate dal caldo.Al momento, anche in virtù dei nuovi spazi di degenza, non vengono segnalati letti aggiunti nelle strutture di degenza del S.Maria della Misericordia.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*