Bullismo in Umbria, Unione Consumatori apre sportelli di mediazione sociale

Nei prossimi giorni, nella sede di C.so Cavour (Perugia) dell’Unione Nazionale Consumatori e in tutti gli sportelli dislocati in Umbria, in collaborazione con  Me.Di.A@Net (che riunisce professionisti operanti da anni a vario titolo nell’ ambito scolastico e universitario), aprirà uno sportello di Mediazione Sociale che fornirà all’utenza attività di consulenza su tematiche legate al mondo dell’infanzia, dell’adolescenza e del sostegno alla genitorialità. In un momento storico, economico e sociale, particolarmente complesso, in cui i fenomeni di bullismo sfociano o potrebbero sfociare in episodi di emarginazione e devianza sociale, in un momento in cui si chiede al mondo della scuola di farsi carico di responsabilità nuove e problematiche inedite cui spesso, per condizioni strutturali e non per mancanza di volontà non riesce a rispondere in modo efficace, le risposte possono e devono trovarsi anche altrove e cioè nel sostegno della consulenza di un pool di esperti (psicologi, sociologi, giuristi, assistenti sociali, mediatori) che lavorando di concerto con le figure parentali di riferimento, i servizi presenti sul territorio e naturalmente le scuole, offrirà per la prima volta in Umbria un servizio innovativo, capace di rispondere ai bisogni dei ragazzi, dei genitori e dei docenti. Innovativo per la realtà nazionale tutta è inoltre l’approccio metodologico ai problemi dell’ infanzia, ai disagi dell’ età adolescenziale ed al sostegno alla genitorialità responsabile, che fa della prospettiva multidisciplinare e sistemica il punto di forza dell’approccio stesso a queste problematiche nella convinzione che si fa prassi operativa, che criticità come queste non si esauriscano e non possono essere affrontate ne tantomeno risolte in modo efficace guardandole da una sola prospettiva, sia questa psicologica, giuridica, sociologica. E’ solo dalla sinergia di metodi e visioni particolari e complementari che si può venire a capo di fenomeni così complessi. I diversi professionisti che operano collegialmente sul singolo problema sono la vera e la sola carta vincente se si vuole arrivare ad affrontare in modo efficace problematiche come quelle che coinvolgono i ragazzi, i genitori, la scuola, la società tutta.

Assolutamente innovativa è inoltre la possibilità di avere una prima consulenza on line sul problema, verrà infatti attivato all’interno del sito internet dell’Unione Nazionale Consumatori Umbria (www.consumatoriumbria.it): una pagina dedicata dove si potranno porre domande ed avere tutti i chiarimenti del caso, anche in maniera anonima. Contestualmente, in scuole di diverso ordine e grado del territorio perugino partiranno attività di formazione specifica ai docenti sulle tematiche oggetto di attenzione (conflitti e loro risoluzione, bullismo, genitorialità responsabile) e sempre presso le sedi dell’Associazione inizieranno nei prossimi mesi corsi specifici e attività laboratoriali aperti a genitori e ragazzi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*