Bomba Banca Etruria, lettere intimidatorie prima dell’ordigno

Le indagini, condotte dal pm Giuseppe Petrazzini, sembrano quindi coinvolgere anche questi episodi

Bomba Banca Etruria, lettere intimidatorie prima dell'ordigno

Bomba Banca Etruria, lettere intimidatorie prima dell’ordigno

Tre lettere intimidatorie sarebbero state inviate ad altrettante filiali di Banca Etruria a Perugia prima dell’ordigno depositato la mattina del 7 gennaio davanti l’ingresso della filiale di Ponte san Giovanni, in via Manzoni. Ordigno che poi gli artificieri dei carabinieri hanno fatto brillare.

Le indagini, condotte dal pm Giuseppe Petrazzini, sembrano quindi coinvolgere anche questi episodi.

La Banca Etruria è conosciuta alle cronache per il crack che ha coinvolto migliaia di correntisti e risparmiatori. Gli inquirenti stanno indagando a tutto tondo.

Bomba Banca Etruria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*