Bomba Banca Etruria, a pm primi risultati indagine

L'ordigno è stato fatto brillare dagli artificieri che hanno poi individuato all'interno dei chiodi arrugginiti e materiale per l'innesco.

Bomba Banca Etruria, a pm primi risultati indagine

Bomba Banca Etruria, a pm primi risultati indagine

I primi risultati dell’indagine, condotta dai carabinieri sull’ordigno rudimentale trovato ieri davanti alla filiale di Ponte San Giovanni di Banca Etruria, sono al vaglio della procura di Perugia.

Gli investigatori mantengono uno stretto riserbo sulle piste seguite ma al momento non ci sarebbe un’ipotesi privilegiata su chi e perché abbia lasciato la piccola bomba artigianale. Attesa per gli accertamenti tecnici che dovranno stabilire il potenziale dell’ordigno.

Questo – in base ai primi rilievi – era a basso potenziale ma comunque in grado di scoppiare. L’ordigno è stato fatto brillare dagli artificieri che hanno poi individuato all’interno dei chiodi arrugginiti e materiale per l’innesco.

Bomba

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*