Bloccata banda dei furti nei garage, recuperata refurtiva

Alle 2.30 una chiamata al 113 segnala una serie di furti commessi nei garage di un condominio di Collestrada; il richiedente, svegliato dai rumori, riferisce che i banditi erano appena fuggiti, probabilmente allarmati dal suo arrivo.

Mentre tutte le auto cinturavano l’intera area, una volante sul posto constatava l’apertura di dodici garages con la tecnica collaudata della forzatura dei lucchetti.

Nel frattempo, poco distante, una Volante nota le luci di un furgone in transito su una strada sterrata; i Poliziotti con la vettura sbarrano la strada e con l’altoparlante intimano l’alt.

L’autista rallenta e si ferma, poi con una mossa repentina ingrana la marcia e tenta di fuggire tentando di forzare il posto di blocco.

Il capo equipaggio è costretto a sparare in aria, a scopo intimidatorio, tre volte fino a che il furgone non arresta la sua corsa; i due occupanti, sotto la minaccia delle armi, vengono fatti scendere dal furgone.

Appena gli agenti tentano di ammanettarli, i due oppongono una strenua resistenza fisica ed ingaggiano una colluttazione fino a che, all’arrivo sul posto degli altri equipaggi allarmati dagli spari, non vengono immobilizzati.

I poliziotti, messi in sicurezza i due fermati, iniziano le prime indagini; notano che il furgone era stato appena rubato ad uno dei proprietari dei garages; all’interno vi era parecchia refurtiva appena rubata.
Ma la vera sorpresa della nottata per i poliziotti è stata l’identità dei fermati: un sedicenne, quello alla guida, ed un diciassettenne il suo socio!

Gli agenti intuiscono che nei pressi del condominio era stata lasciata la vettura, anch’essa rubata, utilizzata dalla banda per raggiungere il luogo del furto; veniva recuperata una Fiat Punto rubata qualche giorno fa a San Martino in Campo.

I poliziotti intuiscono che i due ladri si stavano dirigendo verso un deposito, che doveva essere poco distante, ove veniva custodita la refurtiva.

Le ricerche portano a Ponte Felcino ove, in una rimessa agricola, chiusa con un lucchetto, venivano rinvenuti attrezzi da lavoro professionali di ingente valore economico.

Gli investigatori si recano quindi alla abitazione del diciassettenne, ucraino ma da tempo residente a Perugia, poco distante, ove, in una soffitta in uso esclusivo del minore, sono custoditi i pezzi più pregiati della collezione: una cinquantina di orologi, pc, tablet, cellulari, attrezzature sportive e oggettistica di qualità.

In un garage numerosi utensili quali motoseghe, decespugliatori, vasellame e valigeria.
La perquisizione nell’abitazione del sedicenne dava esito negativo.

I due vengono condotti in Questura per gli atti di rito e per il prosieguo della attività investigativa, coordinata fin dall’inizio dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni dott. Monteleone.
Per tutta la giornata gli agenti effettuano sequestri di refurtiva e riconsegne ai legittimi proprietari che, increduli, si portano in Questura per riottenere quanto sottratto ingiustamente dalla banda.

In poche ore già una ventina di restituzioni di refurtiva per un valore superiore alle 50mila € viene restituita .
La rimanente, in attesa dei legittimi proprietari è stata repertata e custodita per ulteriori approfondimenti; a giorni saranno comunicate le modalità di visione del materiale sequestrato per eventuali riconoscimenti.

I minori venivano quindi tratti in arresto per i reati di furto pluriaggravato, e continuato, resistenza a P.U. e ricettazione; il sedicenne anche per guida senza patente.

Notiziate le famiglie, anche il padre del sedicenne attualmente detenuto a Capanne, che hanno immediatamente messo a disposizione dei due minori legali di fiducia.

Ieri sera sono stati entrambi accompagnati al Carcere Minorile di Firenze. Proseguono le attività di indagine.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*