Beccato con l’eroina, maghrebino aggredisce agente

La polizia ha arrestato un 27enne tunisino

Favoreggiamento immigrazione clandestina, emesse 31 ordinanze
Immigrazione, in Umbria 2951 rifugiati

Beccato con l’eroina, maghrebino aggredisce un agente

Ieri pomeriggio i poliziotti di quartiere hanno svolto una attività di vigilanza e monitoraggio nel quartiere di Fontivegge, dedicando particolare attenzione all’area della stazione FS.

Proprio lì si sono imbattuti in un 27enne tunisino, ben conosciuto dalla Polizia in quanto persona irregolare sul territorio nazionale gravata da precedenti per rapina, per reati contro la persona e per reati in materia di stupefacenti.

Gli agenti gli si sono avvicinati per sottoporlo a controllo, ma a quel punto il nordafricano ha tentato la fuga lungo un tratto dei binari ferroviari.

Per nulla intenzionati a desistere, i poliziotti di quartiere lo hanno allora tenacemente inseguito e sono alla fine riusciti ad acciuffarlo.

A quel punto, immaginando che il maghrebino avesse qualcosa da nascondere, lo hanno condotto in Questura per procedere ad una accurata perquisizione nei suoi confronti.

Ma proprio mentre gli agenti si accingevano finalmente a verificare cosa fosse stato occultato tra i suoi vestiti, l’uomo ha giocato l’ultima carta a sua disposizione, avventandosi contro un poliziotto e colpendolo più volte al fianco, con ciò procurandogli contusioni guaribili in 5 giorni.

Malgrado ciò, i poliziotti di quartiere sono riusciti ad avere la meglio e ad immobilizzarlo; a quel punto, l’uomo è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico e, soprattutto, di ben sette involucri termosaldati in cellophane.

Si trattava di eroina, del peso complessivo di circa 5 grammi, già frazionata in dosi pronte per lo spaccio.

Per l’accaduto, la Polizia ha arrestato il 27enne nella flagranza dei reati di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e di resistenza, violenza e lesioni a P.U.; inoltre, il coltello è stato sequestrato e l’uomo è stato deferito anche per porto di oggetti atti ad offendere. Il destino del tunisino appare ormai segnato.

Egli, infatti, è atteso da un processo per direttissima, all’esito del quale la Polizia provvederà ad espellerlo dal territorio nazionale.

eroina

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*