Primi d'Italia

Assisi, il corso di laurea non chiuderà, faremo ricorso al TAR

Photo1(umbriajournal.com) ASSISI – Il Sindaco di Assisi Claudio Ricci, e l’Amministrazione Comunale, ha appreso “con ampio disappunto” (Foto, un momento delle proteste del 2010) della decisione del Senato Accademico (parere consultivo che dovrà essere ratificato dal Consiglio di Amministrazione) di “sospendere il primo anno” del Corso di Laurea in Economia del Turismo in Assisi (Decretato nel 2010).

La decisione é “inaccettabile” in quanto si tratta del primo Corso di Laurea attivato in Italia sul Turismo, con un crescente numero di iscritti (oltre 60) in un settore strategico per l’Umbria e l’Italia (si prevedono sino al 2020 oltre 500.000 nuovi posti di lavoro a livello nazionale).
Speriamo che le componenti “socio culturali ed economiche regionali e nazionali” si oppongano a tale parere: per quanto attiene al Comune di Assisi si ricorrerà in ogni sede consentita (a partire dal TAR Umbria) e vi sarà un impegno, nazionale e internazionale, per verificare chi vorrà “raccogliere tale esperienza” (ultra trentennale che rappresenta un valore “irrinunciabile” a livello nazionale e internazionale).

Certamente il Decreto Ministeriale n. 47 mette in difficoltà le Università italiane ma “non si può chiudere Assisi” per “salvare altri corsi con minor numero di iscritti”. Speriamo che il Consiglio di Amministrazione dell’Università e il Magnifico Rettore Prof. Francesco Bistoni “sospendano e rivedano tale decisione” in attesa di trovare una “soluzione condivisa per mantenere di questa eccellenza nel turismo”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*