ASSISI, FINANZA SCOVA FALSO INVALIDO, CIECO MA ANDAVA IN BICICLETTA

12(umbriajournal.com) ASSISI – I militari della Tenenza di Assisi nel quadro del rinnovato impegno istituzionale all’intensificazione della lotta all’evasione fiscale, al controllo della spesa pubblica ed alla tutela del “più debole”, con una lunga attività di investigazione e controllo economico del territorio nel settore della spesa pubblica hanno passato al setaccio i soggetti che, a fronte di invalidità permanenti decretate dalle commissioni mediche preposte, risultavano aver beneficiato della cd. indennità di accompagnamento riferite a patologie invalidanti.
Particolarmente singolare e interessante si appalesava sin da subito la posizione di un soggetto che risultava percepire alcune pensioni tutte di invalidità e per cospicui importi nei cui confronti gli approfondimenti operativi hanno portato alla verifica della illegittima percezione dell’indennità di accompagnamento oscillante intorno alle € 500 mensili.

Il soggetto controllato che per le patologie dichiarate, fra le quali un ridottissimo visus oculare, doveva essere scrupolosamente accompagnato da altra persona fisica (l’accompagnatore appunto). Le Fiamme Gialle invece hanno documentato che poteva andare tranquillamente in bicicletta per la città, leggere i cartelloni pubblicitari, effettuare acquisti (anche in farmacia) e, con una certa speditezza, rientrare in casa aprendo la porta senza alcuna difficoltà.
Gli accertamenti condotti hanno permesso di rilevare che il soggetto ha percepito l’indennità di accompagnamento fin dall’anno 2010. In esito alla peculiare attività i Finanzieri di Assisi hanno deferito lo stesso all’Autorità Giudiziaria per violazione all’art. 640 C.P. (Truffa aggravata nei confronti dello stato) e nei suoi confronti è stato eseguito un provvedimento di sequestro preventivo per equivalente di tutta la somma illegittimamente percepita pari a complessivi € 16.644,50.

 

[wzslider autoplay=”true” info=”true” lightbox=”true”]

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*