Assisi, albanese in manette, aveva oltre 20 grammi di cocaina

Un Altro pregevole risultato è stato messo a segno dai Carabinieri della Compagnia di Assisi, impegnati senza sosta nel contrasto alle attività di spaccio di sostanze stupefacenti nell’hinterland perugino.
Nel pomeriggio di ieri i militari dell’Aliquota Radiomobile del N.O.R.M. di Assisi hanno arrestato un cittadino albanese, irregolare sul Territorio Nazionaloe a casa del quale i militari hanno rinvenuto venti grammi di “polvere bianca”.
Le indagini, fa sapere il Comandante della Compagnia Carabinieri Maggiore Sivori, sono partite dal comprensorio dell’assisano, dove sono stati fermati dagli investigatori alcuni giovani del posto trovati in possesso di alcune dosi di cocaina destinate al loro uso personale.
Da qui è partita l’identificazione del fornitore dello stupefacente individuato dai militari del Radiomobile dopo una lunghissima serie di appostamenti nei quartieri di Perugia tristemente noti per lo spaccio “al dettaglio” di droghe pesanti e non. L’ultimo e più difficile passo è stato quello relativo all’individuzione dell’ appartamento del soggetto dove gli inquirenti immaginavano potesse detenere lo stupefacente.
Avuta la certezza della sua identità e della ubicazione della casa, i militari hanno fatto il blitz nell’appartamento dell’uomo intorno alle 18,00 del 29 aprile dopo avere fermato altri due acquirenti trovati anch’essi in possesso di alcuni grammi di cocaina.
Il cinquantenne, con alle spalle altri arresti per spaccio di sostanze stupefacenti deteneva in casa circa venti dosi di cocaina già confezionate, un bilancino elettronico di preciso e materiale usato dagli “addetti ai lavori” per il “taglio della sostanza” oltre a 1.500 euro incontanti, sicuro provento dell’attività delittuosa.
Colto con le mani nel sacco l’uomo non ha fornito ai militari alcuna spiegazione trincerandosi dietro l’assoluto silenzio. Per la giornata di dopo domani è atteso l’interrogatorio di garanzia di fronte al Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Perugia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*