Aspirante suicida salvata dalla Polizia, donna ubriaca voleva gettarsi dal ponte

Era già a cavalcioni sul parapetto alto 3 metri del ponte in via delle Campore

Giovane universitario denunciato a Perugia

Aspirante suicida salvata dalla Polizia, donna ubriaca voleva gettarsi dal ponte

Era già a cavalcioni sul parapetto alto 3 metri del ponte in via delle Campore, quando una pattuglia della Volante è arrivata nella nottata di sabato, chiamata da un automobilista di passaggio che aveva cercato inutilmente di far desistere la donna dal suo intento.

Il testimone, un uomo di 30 anni in forte stato di agitazione, per quanto stava accadendo, era rimasto al telefono con l’operatore del 113, che gli aveva impartito le giuste direttive fino all’arrivo degli agenti della Polizia di Stato, che, con toni e modi rassicuranti, si sono avvicinati alla donna.

E’ apparso da subito evidente che la donna aveva bevuto e che non aveva nessuna intenzione di scendere dal parapetto: “Se vi avvicinate, mi butto di sotto!”, ma dopo alcuni minuti, mentre due agenti continuavano l’operazione di dissuasione, un terzo, approfittando della luce dei fari di un’autovettura di passaggio, è riuscito ad arrivarle alle spalle e a tirarla giù.

La donna, identificata poi per una ternana di 40 anni, è scoppiata a piangere, ammettendo di aver bevuto solo due birre per farsi coraggio per attuare il suo piano. Ha riferito di stare attraversando un momento difficile e di avere, già in passato, tentato il suicidio.

Dopo averla calmata gli agenti l’hanno accompagnata al Pronto Soccorso ed affidata alle cure dei sanitari.

donna

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*