Arrestato bosniaco dalla polizia stradale in esecuzione di mandato europeo

In corso indagini per accertare i motivi della presenza del cittadino bosniaco

Stradale Terni, in azione durante la notte, 90 persone controllate

Arrestato bosniaco dalla polizia stradale in esecuzione di mandato europeo CITTA’ DI CASTELLO – La pattuglia del Distaccamento Polizia Stradale di Città di Castello, poco dopo la mezzanotte del 6 dicembre, ha intimato il fermo al conducente di un’autovettura Fiat Doblò con targa della Bosnia ed Erzegovina. L’uomo alla vista degli operatori di polizia, accelerava la marcia con il chiaro intento di allontanarsi dalla visuale. Gli operanti, a seguito della repentina manovra, si ponevano all’inseguimento del veicolo il cui conducente, imboccata una via laterale e abbandonato il mezzo, cercava di scappare venendo, però, prontamente bloccato dagli agenti.

La contestuale verifica alla banca dati centrale delle Forze di Polizia consentiva di accertare a carico del cittadino straniero di origine bosniaca – L.R. di anni 52 – una segnalazione di rintraccio nell’area Schengen per l’esecuzione di un mandato di arresto europeo, per reati contro il patrimonio, inserito dalle Autorità austriache. Scattato, quindi, l’arresto e l’immediato accompagnamento – dopo il foto segnalamento presso il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Città di Castello – presso la Casa Circondariale di Capanne a disposizione della Corte di Appello di Perugia, competente in tali casi, per gli adempimenti giuridici conseguenti.

L’attività, poi, di Polizia Giudiziaria proseguita dagli inquirenti ha permesso, altresì, a seguito delle risultanze dei rilievi foto dattiloscopici e in costante contatto con la Direzione Centrale della Polizia Criminale di Roma, di risalire ad un altro mandato di arresto europeo delle Autorità slovene, sempre per i medesimi reati, subito notificato in carcere. Sono tuttora in corso indagini per accertare i motivi della presenza del cittadino bosniaco arrestato in questa provincia.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*