Arrestato, a Perugia, pericoloso spacciatore albanese  

Ubriaco si schianta contro il guardrail: lievemente ferito ma denunciato

Dal dicembre del 2013 e fino al novembre 2014 in maniera continuativa e con una cadenza giornaliera riusciva a spacciare dosi di cocaina a chiunque a Perugia ne avesse bisogno; le aree di spaccio erano sempre le stesse: San Sisto, Sant’Andrea delle Fratte e Santa Sabina. Qualche giorno fa i carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Perugia, al termine di una minuziosa attività investigativa hanno tratto in arresto un 37enne albanese con numerosi alias e gravato da molti precedenti, notificandogli la misura di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del capoluogo umbro.

L’indagine, caratterizzata da prolungati servizi di osservazione e pedinamento, ha permesso di dimostrare come il malvivente organizzava, nottetempo, gli incontri con gli assuntori all’interno del parcheggio antistante l’ospedale Santa Maria della Misericordia e nei pressi dei parcheggi delle discoteche “Cantiere 21” e “Urban”.  L’esperto spacciatore poneva la giusta attenzione nel prendere appuntamento con gli assuntori della sostanza stupefacente  rifornendoli con una cadenza settimanale di circa 80€ di cocaina a persona per  tutto il periodo oggetto d’indagine. La media di spaccio accertata nei confronti di almeno 8 assuntori italiani,  ha consentito di inquadrare la condotta con un vero e proprio disegno criminoso, stimando una totale cessione di circa 250 grammi di stupefacente.

L’attività investigativa svolta dai carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Perugia ha inoltre evidenziato come l’uomo avesse collegamenti operativi con altri spacciatori di origine albanese operanti sul territorio del capoluogo umbro e dei paesi immediatamente limitrofi. Il concreto pericolo di reiterazione criminosa che si desume anche dalla negativa personalità del soggetto che non svolge alcuna attività lavorativa ha indotto l’autorità giudiziaria perugina a ravvisare l’esigenza della custodia cautelare in carcere come l’unica misura idonea a stroncare la condotta criminosa dell’uomo. Lo spacciatore che è stato rintracciato nei pressi di via dell’Acacia dai carabinieri, dopo essere stato accompagnato presso gli uffici della caserma di via Ruggia per le previste ritualità è stato tradotto presso il carcere di Capanne.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*