Anziano truffato dal finto avvocato

E' ennesima truffa del figlio che ha avuto un finto incidente

Usl Umbria 1, Alzheimer e supporto ai “caregiver”, primo studio che affronta la malattia

Anziano truffato dal finto avvocato

Abili truffatori, con tecnica già sperimentata, riescono a portare a segno un raggiro ai danni di un 92enne. Nel primo pomeriggio squilla il telefono e alla badante viene richiesto di parlare direttamente con l’anziano.

Un sedicente avvocato gli riferisce che il figlio ha avuto un incidente e che era in stato di “fermo” in una stazione di Carabinieri per un incidente stradale.

Per mettere a posto i documenti della sua vettura occorrono urgentemente 3000€; chiede di quanti contanti può disporre in casa, il resto li avrebbe anticipati lui.

L’anziano, seguendo le raccomandazioni dell’interlocutore non interrompere la telefonata, verifica che nei cassetti possiede 1900€.

L’interlocutore continua a intrattenerlo al telefono spiegando, alla fine, che sarebbe passato qualcuno in casa per ritirare i soldi.

Appena riagganciato, suona alla porta di casa un emissario dell’Avvocato che ritira la busta con i contanti e fugge via, non prima di avergli raccomandato di non impegnare il telefono per mezz’ora perché l’avvocato avrebbe avuto necessità di chiamare con urgenza.

Dopo un po’, non essendo più arrivata nessuna chiamata, l’anziano si è insospettito ed ha chiamato un familiare: si è scoperto l’inganno.

Anziano

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*