Anziano morto in rapina, rimane ai domiciliari la colf

Angela Cioce, la colf di 48 anni accusata di essere la terza basista della rapina in casa in seguito alla quale, il 28 aprile scorso, è morto a Terni il 91enne Giulio Moracci, rimane agli arresti domiciliari. Il gip ha infatti respinto la richiesta di revoca della misura cautelare presentata dai legali della donna, gli avvocati Emidio Gubbiotti e Sara Giovannelli.

Secondo pm Barbara Mazzullo permangono i rischi di inquinamento delle prove e di reiterazione del reato, oltre a quello di contatto con le parti offese. Le richieste, subordinate, di applicazione di misure alternative per permettere alla donna di lavorare e provvedere al sostentamento dei due figli, sono state anche respinte. La donna, durante l’interrogatorio di garanzia, aveva dichiarato di essere totalmente estranea ai fatti contestati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*