AMELIA, CONTROLLI DEI CARABINIERI, 4 PERSONE DENUNCIATE

Carabinieri
Carabinieri
Carabinieri

(umbriajournal.com) AMELIA – Continuano serrati i controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale di Terni in particolare quelli dedicati al monitoraggio della circolazione stradale ed al contrasto dei reati contro il patrimonio. A Narni Scalo una donna di nazionalità rumena M.C., cl.1985, è stata denunciata per la quarta volta dai Carabinieri per inosservanza al foglio di via obbligatorio.

La donna, proveniente da un campo rom della capitale, persevera, inosservante al divieto di ritorno nel comune di Narni, a farvi ritorno per esercitare la prostituzione e commettere reati contro il patrimonio. Sempre a Narni Scalo, D.C., ternano, è stato denunciato per ricettazione di un telefono cellulare Iphone, rubato ad una donna di Terni.

I Carabinieri, con la geolocalizzazione del telefono cellulare, hanno così individuato l’ubicazione del telefono e dai tabulati hanno identificato il nuovo utilizzatore. Dalla perquisizione è subito saltato fuori il telefono rubato, poi restituito alla legittima proprietaria. Nella medesima zona, nel corso della nottata un veicolo, di proprietà e condotto da M.G., cl. 1983, non si è fermato all’alt di una pattuglia che svolgeva servizio lungo la via Flaminia Ternana.

I Carabinieri hanno intrapreso un inseguimento e poco dopo hanno fermato l’Alfa Romeo Giulietta che prima si era data alla fuga. Il conducente era in evidente stato di ebbrezza alcoolica pari a 2,04 g/l. La patente guida è stata ritirata ed il veicolo è stato sequestrato per la per successiva confisca. La Stazione Carabinieri di Amelia ha scoperto una frode informatica. L.L., cl.’84 di Cosenza, sul sito “Subito.it” aveva inserito un annuncio per la vendita di un telefono cellulare per la somma di €200.

Una 60enne amerina lo aveva acquistato effettuando una ricarica su postepay. Il telefono però non è mai arrivato e la donna ha chiamato il 112, il numero di pronto intervento dei Carabinieri denunciando i fatti. Le immediate indagini intraprese dai militari hanno permesso di individuare l’autore della truffa e denunciarlo alla competente autorità giudiziaria.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*