Primi d'Italia

Amanda Knox: “Sono innocente, ma ho paura a tornare in Italia”

Amanda Knox(UJ.com3.0) WASHINGTON – “Ho paura a tornare in Italia”, dice Amanda Knox in una nuova intervista televisiva sulla Cnn. Per Amanda Knox il nostro sistema giudiziario è “assurdo” e in Italia esiste un clima ostile nei suoi confronti: ”In Italia la gente pensa che io sia arrogante, visto che sto qui, negli Stati Uniti, a presentare un libro e difendermi. Trovo tutto ciò prima di tutto è incredibilmente ingiusto, perché ho il diritto di difendere me stessa. E poi nessuno può chiedermi di stare zitta. Allo stesso tempo però voglio provare agli italiani che a me interessa cosa sta succedendo”. La Knox non si fida del sistema giudiziario italiano e non vuole tornare nel nostro Paese per affrontare il processo che l’attende (per l’omicidio di Meredith Kercher) dopo l’annullamento della sentenza di secondo grado che ha assolto lei e Raffaele Sollecito. Amanda ribadisce che con la morte di Meredith non c’entra nulla, attaccando duramente la magistratura italiana: ”E’ incredibile che malgrado l’assoluta mancanza di alcuna prova che dimostri il mio coinvolgimento con l’assassinio, io debba essere ancora sotto giudizio sulla base di aspettative definite non realistiche e non ragionevoli su come una giovane donna avrebbe dovuto reagire a una quella situazione orribile. Nessuno sa come chi mi accusa avrebbe reagito a una situazione così drammatica, se solo fosse capitata a loro”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*