Albanese in questura: “Vado a casa”, ho biglietto aereo

Sei pericolosi stranieri rimpatriati dalla polizia
Sei pericolosi stranieri rimpatriati dalla polizia

Rimpatrio volontario ieri sera di un 25enne albanese che per evitare una espulsione coatta o un trasferimento al C.I.E. ha organizzato in proprio il suo ritorno in Albania. Lo straniero era uscito dal Carcere qualche giorno fa, dopo un arresto per stupefacenti. Per lui all’uscita dal Carcere c’erano i poliziotti dell’Ufficio Immigrazione che lo hanno condotto in Questura.

Non c’erano posti liberi nei voli o navi per l’Albania, sovraccarichi di turisti ferragostani, né posti al C.I.E.; per lui quindi, in attesa del suo allontanamento dal territorio Nazionale, l’obbligo di venire a firmare in Questura ed il trattenimento del passaporto.

Albanese

Ieri sera la sorpresa; si è presentato in Questura con le valige, un biglietto aereo a suo nome con il volo in partenza dal San Francesco per Tirana e l’avvocato: vado a casa. Nessun motivo per non accontentarlo: può partire per l’Albania. Peraltro la sua volontà di rientrare potrebbe favorirlo in futuro se dovesse chiedere deroghe al divieto di ritorno in Europa per 5 anni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*