Aids, Umbria terza regione in Italia per numero di nuovi casi conclamati

Nella sola Clinica Malattie Infettive di Perugia in questi primi 11 mesi dell’anno 2015 si sono registrati 34 nuovi casi di infezione da HIV

Aids, Umbria terza regione in Italia per numero di nuovi casi conclamati

Aids, Umbria terza regione in Italia per numero di nuovi casi conclamati

Come consuetudine in occasione della Giornata mondia dell’Aids che ricorre ogni anno il 1 dicembre, questa mattina a Perugia, nella sede di Federfarma Umbria, Unione regionale sindacale dei titolari di farmacia dell’Umbria, la stessa Federfarma insieme ad Anlaids Umbria e alla Clinica Malattie Infettive dell’azienda ospedaliera di Perugia ha fatto il punto sullo stato dell’arte dell’AIDS in regione. I dati sono stati resi noti e commentati dal presidente di Federfarma Umbria, Augusto Luciani, e il dottor Carlo Pallotto della Clinica Malattie Infettive dell’azienda ospedaliera “Santa Maria della Misericordia” di Perugia. Secondo l’Istat, l’Umbria è la terza regione in Italia con maggior numero di nuovi casi di Aids conclamato ogni anno, dopo Lombardia e Lazio. Il maggior numero dei contagi (54,6%) avviene in conseguenza a rapporti sessuali. Cala il numero dei contagiati omosessuali e dei tossicodipendenti. Aumenta il numero dei contagiati per rapporti sessuali non protetti.

DONNE A RISCHIO

Nella sola Clinica Malattie Infettive di Perugia in questi primi 11 mesi dell’anno 2015 si sono registrati 34 nuovi casi di infezione da HIV, ma a questi si dovranno aggiungere i risultati delle diagnosi del mese di dicembre che sono tradizionalmente numerose. Il 23% delle nuove infezioni riguarda donne. La trasmissione del virus avviene principalmente a causa di rapporti sessuali non protetti, mentre la trasmissione associata a tossicodipendenza per via endovenosa rappresenta meno del 10% del totale delle nuove diagnosi. La Clinica Malattie Infettive segue con costanza circa 700 pazienti.

Anche quest’anno il 1 dicembre le farmacie dell’Umbria aderenti a Federfarma, in collaborazione con Analids Onlus Umbria e Cesvol distribuiranno gratuitamente profilattici e materiale informativo per sensibilizzare l’utenza sulla diffusione e sulla prevenzione dell’AIDS, malattia che non è affatto scomparsa. Oltre a ciò, per sensibilizzare soprattutto la popolazione più giovane, Federfarma Umbria, in collaborazione con l’Accademia del Donca la Country House Ottaviani hanno realizzato un video-spot che ha per protagonisti i 7 Cervelli e Fabrizio Ravanelli. Lo spot vuole lanciare un messaggio sociale: L’Aids è ancora vivo. Pensaci. Se hai un dubbio fai il test. Il video, realizzato da Hashtag Media di Perugia, sarà diffuso in internet sui canali di Federfarma, Analids, 7 Cervelli e nel circuito video delle Farmacie associate Farminsieme. E’ a disposizione di chiunque voglia contribuire a diffondere un contenuto di grande utilità sociale.

Aids

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*