Aggredisce violentemente compagna davanti alla figlia minore

Maltrattamenti in famiglia, indagato 45enne violento

Aggredisce violentemente compagna davanti alla figlia minore
Questa notte i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Terni hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, guida in stato di ebbrezza alcoolica e porto abusivo di armi improprie e da taglio un 42enne autotrasportatore ternano.

La notte scorsa, poco dopo la mezzanotte, la Centrale Operativa di questo Comando Provinciale, dopo aver ricevuto sul 112 la segnalazione di un uomo dell’aggressione in corso della sua ex moglie da parte di un altro soggetto, inviava urgentemente presso l’abitazione della donna, ubicata a Terni in zona Cesure Valenza, una “gazzella” del pronto intervento.

Ai militari dell’equipaggio subito giunti sul posto il richiedente indicava la macchina con la quale l’aggressore era appena partito per scappare. Bloccata la fuga del mezzo al termine di un brevissimo inseguimento, i Carabinieri ne identificavano l’unico occupante ossia un 42enne ternano che era in evidente stato di alterazione a seguito dell’abuso di alcoolici. L’immediata perquisizione del veicolo faceva saltare fuori una grossa asta in legno, lunga ben oltre un metro e custodita nel portabagagli, ed un coltello con lama di 22 cm, nascosto sotto il sedile anteriore destro.

I militari, dopo aver sequestrato la predette armi, procedevano alla minuziosa ricostruzione di quanto avvenuto. L’escussione dei vari testi presenti sul posto permetteva di accertare che l’uomo da loro fermato, un autotrasportatore che già in passato aveva evidenziato comportamenti violenti, nel corso di una lite avvenuta all’interno dell’abitazione della sua convivente, una 45enne casalinga anch’essa ternana, aveva aggredito con calci pugni e schiaffi la donna causandole lesioni in vari punti del corpo che la obbligavano al ricovero in ospedale con una prognosi di 15 giorni.

Il grave e violento episodio era avvenuto alla presenza della figlia 16enne della donna che, rifugiatasi nella sua cameretta, era riuscita ad avvisare il padre che a sua volta aveva attivato il 112.

Il 42enne, che oltre a rifiutare di sottoporsi all’accertamento del tasso alcoolemico del sangue aggrediva i Carabinieri nel tentativo di impedire il recupero della sua autovettura che veniva sequestrata, veniva pertanto tratto in arresto per la flagranza dei reati sopra indicati.

L’arrestato, dopo la notte passata in una delle camere di sicurezza di questa sede, veniva nel primo pomeriggio portato all’udienza con rito direttissimo nel corso della quale l’arresto veniva convalidato ed il giudice, in attesa delle successive udienze, disponeva nei suoi confronti l’obbligo di firma.

Aggredisce violentemente compagna

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*