Perugia, aggredisce poliziotto con una bottiglia a poi col coltello, ma non gli è andata bene

Un tunisino di 28 anni è stato arrestato pregiudicato per rapina e droga

Perugia, aggredisce poliziotto con una bottiglia a poi col coltello, ma non gli è andata bene

Aggredisce poliziotto con una bottiglia a poi col coltello, ma non gli è andata bene  PERUGIA – I poliziotti in servizio di controllo del territorio lo hanno notato ieri poco dopo le 22:00 mentre, in compagnai di un connazionale, si aggirava con fare sospetto in piazza Danti. Alla vista degli agenti, i due cercavano di disperdersi cercando di non dare nell’occhio ma la pattuglia li avvicinava per procedere al controllo. Alla richiesta dei poliziotti di fermarsi, uno dei due si avvicinava senza discutere mentre l’altro, successivamente identificato per un tunisino di 28 anni pregiudicato, fingendo di non aver udito le richieste degli operatori continuava per la propria strada.

Raggiunto dai poliziotti, l’uomo tentava dapprima di sottrarsi alla presa e poi iniziava ad agitare le braccia per divincolarsi, brandendo una bottiglia di birra e proferendo frasi sconnesse e costringendo gli operatori ad immobilizzarlo per sottrargli quell’arma impropria.

Apparentemente riportato alla calma, l’uomo veniva avvisato che si sarebbe proceduto nei suoi confronti a perquisizione ma, appena iniziato il controllo, lo straniero riprendeva la propria condotta aggressiva contorcendosi e, nella colluttazione, cercava di afferrare un coltello con una lama di 8 cm che aveva in tasca del giubbotto per colpire gli agenti. Bloccato ed ammanettato, il tunisino iniziava ad inveire contro i poliziotti minacciandoli di ritorsioni e, non potendo più usare gli arti superiori costretti dalle manette, tentava di colpirli con calci e testate opponendo strenua resistenza per impedire di essere fatto salire a bordo della volante.

Condotto negli Uffici della Questura per essere compiutamente identificato, il tunisino è stato tratto in arresto per resistenza e minaccia a pubblico ufficiale e denunciato per porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere. Trattenuto nelle camere di sicurezza, verrà giudicato con rito direttissimo.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*