Aereo Egyptair: umbro residente a Genova italiano a bordo

Banchetti, 46 anni, è un tecnico che si occupa di centrali termoelettriche. E' sposato con Isabella ed ha una figlia di 9 anni.

Aereo Egyptair: umbro residente a Genova italiano a bordo
Foto da Repubblica.it

Aereo Egyptair: umbro residente a Genova italiano a bordo

Andrea Banchetti è l’italiano che stamani si trovava sull’aereo della Egyptair dirottata da Alessandria a Cipro. Banchetti è di Terni, ma da anni residente a Genova. A confermare che Banchetti era su quell’aereo è la suocera. Banchetti, 46 anni, è un tecnico che si occupa di centrali termoelettriche. E’ sposato con Isabella ed ha una figlia di 9 anni.

«Ho avuto paura all’inizio. Capisco, ma non giustifico quello che il dirottatore ha fatto. Vorrei solo far sapere agli italiani cosa significa andare in giro per lavoro», ha detto Banchetti poco dopo essere stato liberato.

L’uomo, un pregiudicato egiziano che ha avanzato richieste piuttosto strampalate, dall’asilo politico al desiderio di incontrare l’ex moglie, indossava una finta cintura esplosiva ed era riuscito a passare i controlli di sicurezza.

«All’inizio abbiamo avuto paura – racconta stanco e provato in un’intervista rilasciata al Tg1 poco dopo essere stato liberato –, il dirottatore ha ritirato il passaporto a tutti i passeggeri. Poi ha cominciato a farne scendere alcuni, credo quelli arabi o musulmani, non lo so. Io e un olandese – spiega ancora Banchetti – siamo stati gli ultimi».
«Capisco, ma non giustifico quello che ha fatto – continua il ternano, che una volta liberato ha avuto modo di incontrare anche il console italiano a Cipro –. Il dirottatore è stato comunque sempre abbastanza calmo e ci ha rassicurato, si è fatto anche fotografare. E’ finito tutto bene e ora voglio solo tornare presto a casa».

Banchetti abita a Quarto, in provincia di Genova e da sempre lavora all’estero. La suocera, che abita vicino al tecnico, ha parlato con la figlia e ha fatto sapere che presto il genero tornerà in Italia.

Aereo Egyptair

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*