Addetta alle pulizie in ospedale, ma anche ladra portafogli

La donna era incaricata di effettuare le pulizie nei reparti di pediatria, ostetricia e chirurgia

Investe due ragazzini e scappa, preso pirata

Addetta alle pulizie in ospedale, ma anche ladra portafogli

Erano stati segnalati alcuni furti di portafogli e contanti nell’ospedale di Gubbio Branca, così i Carabinieri della Compagnia di Gubbio – Stazione di Fossato di Vico hanno attivato le indagini per scoprire l’ignoto ladro.

Grazie alla tempestività dell’intervento dei militari ed anche alla preziosa collaborazione del personale direttivo dell’ospedale, che proprio ieri, nella tarda mattinata, è stata denunciata in stato di libertà una donna di Gubbio, 45enne, impiegata in ospedale con mansioni di pulizia.

La donna, incaricata di effettuare le pulizie nei reparti di pediatria, ostetricia e chirurgia del predetto ospedale, approfittando della momentanea assenza della vittima, anch’essa eugubina, che si trovava lì ricoverata, si impossessava della somma di euro 45 contenuta in un portafogli posto in una borsa, appoggiata sul comodino del letto.

L’episodio veniva notato dal suocero della donna, rimasto a controllare la stanza, il quale dall’esterno della stanza riusciva a vedere la donna entrare in stanza e rimanere qualche minuto nei pressi del comodino, esattamente dove si trovava la borsa.

Appena appreso di essere stata derubata, la vittima ha contattato i Carabinieri della Stazione di Fossato di Vico che subito sono intervenuti, fermando l’indiziata. L’immediata perquisizione ha permesso di recuperare, occultate nel suo portafogli, le banconote sottratte, piegate proprio così come le aveva riposte la vittima. La donna, che ora dovrà rispondere di furto aggravato, è stata denunciata in stato di libertà.

Inoltre, proprio stamattina i Carabinieri hanno recuperato altri due portafogli che erano stati sottratti il 25.11.2015 a due ostetriche. All’interno documenti e fogli personali, purtroppo ed ovviamente non più i contanti.

Addetta

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*