Accoltellamento al campo rom di Foligno, un nomade ferito, operato non è grave

Rissa sanguinaria al campo rom di Foligno, un nomade accoltellato, operato non è grave
accoltellamento foto quotidianoitaliano

Accoltellamento al campo rom di Foligno, un nomade ferito, operato non è grave

Un rom sarebbe stato accoltellato ieri sera, tra le 19,30 e le 20, nel campo rom di via Londra a Foligno. L’uomo, che sarebbe stato soccorso immediatamente e trasportato all’ospedale San Giovanni Battista, sarebbe stato operato d’urgenza, ma non sarebbe in pericolo di vita. Sulla vicenda, la cui dinamica è tutta da chiarire e sulla quale indagano i carabinieri della compagnia di Foligno, al seguito del capitano Angelo Zizzi, gli investigatori mantengono il più stretto riserbo.

Indagano Carabinieri di Foligno

Si cerca, evidentemente, di accertare il numero delle persone che hanno preso parte alla furiosa lite finita nel sangue. Da voci di paese, sembra che il rom fosse, ieri sera, piuttosto esagitato e che abbia impedito il passaggio, di alcuni operai, sulla strada che costeggia l’accampamento. Da lì sarebbe scaturito il diverbio. Prima sono “volate” parole grosse, poi si è venuti alle mani e alla fine alle “lame”. Con cosa sia stato colpito lo zingaro non si sa, né, tantomeno, si conosce chi l’avrebbe ferito. L’unica certezza è che l’uomo ha dovuto, rapidamente, far ricorso alle cure dei sanitari dell’ospedale di Foligno per le ferite riportate nell’accoltellamento.

Tra l’altro fonti ufficiose confermano che in quella strada non si può passare: “Ti si parano davanti e cominciano con il lancio di sassi. Ho fatto presente nelle opportune sedi e che saltuariamente si sentono distintamente colpi di arma da fuoco. Ma le perquisizioni non hanno mai confermato il sospetto della detenzione di armi”.

Accoltellamento al campo rom

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*