A Collevalenza benzinaio picchiato e rapinato

Costo benzina, Lega Nord: "Abolire le accise inutili"

Questa notte, la pattuglia del Distaccamento Polizia Stradale di Todi, intorno alle ore 01.20, riceveva dalla Sala Operativa Compartimentale la nota, diramata a tutte le pattuglie in servizio di vigilanza stradale, di una rapina aggravata con l’uso di coltello perpetrata ai danni di personale dell’Area di Servizio “Esso” denominata “LE GALLERIE”, ubicata lungo la E/45, direzione nord, nel Comune di Todi, ad opera di 4 persone che, dopo essersi impossessati di contanti presenti in cassa e dal personale addetto, sigarette e tessere telefoniche, si allontanavano a bordo di un’autovettura grigia station wagon.
In costante contatto con la Sala Operativa, per un aggiornamento in tempo reale delle ricerche in corso, alle successive ore 02 circa, gli operatori della Pattuglia tuderte intercettavano un veicolo corrispondente a quello segnalato – un’autovettura Opel Astra SW di colore grigio, con quattro persone a bordo – che, alla vista del personale della Polizia aumentava l’andatura.

Gli operanti tenuto conto di tale repentina manovra, si ponevano all’inseguimento e procedevano a fermare in sicurezza il predetto veicolo presso l’Area di servizio “Tamoil”, sempre nel Comune di Todi.
Durante il controllo gli occupanti del veicolo manifestavano da subito nervosismo e, ritenuti essere proprio le persone responsabili della rapina, dopo averli resi edotti delle facoltà di legge, venivano sottoposti a perquisizione, compreso il veicolo.
All’interno dell’autovettura veniva, infatti, rinvenuto un coltello con lama in acciaio fissa, mentre nella parte posteriore del bagagliaio, occultate dietro la copertura in tessuto, venivano rinvenuti dei pacchetti di sigarette di marca straniera; in una borsa, poi, venivano rinvenute numerose tessere di ricarica telefonica.
Indosso ai fermati, tra di loro spartite, venivano poi rinvenute numerose banconote, per un migliaio di euro circa.
Le persone fermate non riuscendo a dare una esauriente spiegazione sul possesso di quanto rinvenuto, ammettevano di essere gli autori della rapina consumata poco prima presso l’Area di Servizio Esso.
Nella circostanza, sul posto, si presentava, poi, anche la persona rapinata la quale, riconosciuto il veicolo e gli occupanti, riferiva la dinamica della rapina: i malviventi, già presenti all’interno del locale bar per una consumazione, usciti, vi rientravano dopo qualche minuto profittando dell’assenza di altri avventori. Due di loro, in modo fulmineo, portatisi dietro il bancone del bar e dopo aver percosso e reso inoffensivo l’addetto lì in servizio, mostrando il coltello, sottraevano l’intero ammontare

dell’incasso del distributore, quanto presente nella cassa del bar e in suo possesso, nonché le carte telefoniche e i tabacchi rinvenuti all’atto del controllo.
Scattato, quindi, l’arresto per tutti e quattro, nativi e provenienti dal napoletano [ S.V., 16.04.1992 – R.F., 10.12.1979, D.L.V., 29.09.1994 e P.G.O.W., 16.01.1993 ], alcuni anche con precedenti di polizia, che, dopo il foto segnalamento in Questura e il sequestro anche del veicolo utilizzato, sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Spoleto, a disposizione del Procuratore della Repubblica presso quel Tribunale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*