FILT-CGIL: Sconcertante l’atteggiamento del Gruppo Novelli verso i lavoratori

Il sindacato conferma l’interruzione della trattativa per il passaggio aziendale sino a quando non ci sarà regolarità nelle spettanze

Gruppo Novelli, istituzioni “sconcerto e preoccupazione” per situazione del gruppo
Striscione dei lavoratori del Gruppo Novelli

FILT-CGIL: Sconcertante l’atteggiamento del Gruppo Novelli verso i lavoratori

La FILT-CGIL dell’Umbria ritiene sconcertante l’atteggiamento che il Gruppo Novelli sta tenendo con i lavoratori, in modo particolare con quelli della Novelli Service.

“Già nel mese di luglio 2016 – scrive FILT-CGIL in una nota – l’azienda in maniera unilaterale aveva annunciato il frazionamento della quattordicesima mensilità con il saldo previsto al 07/09/2016”.

La FILT-CGIL dell’Umbria aveva contestato l’unilateralità della decisione e poi interrotto le trattative per la cessione a 2 società delle attività del  settore trasporto e logistica, come previsto dal piano concordatario. Nella giornata di ieri la stessa azienda, con modalità identiche, ha comunicato che non rispetterà la scadenza concordata per il saldo delle spettanze, evidenziando una inadeguatezza nel rispettare gli impegni che gli stessi dirigenti aziendali si sono assegnati.

La situazione risulta ancora più paradossale – prosegue la nota – in quanto si osserva, in questo periodo, l’assenza di una organizzazione del lavoro nelle attività del trasporto e della logistica. I lavoratori non hanno ancora un piano ferie, che nel rispetto delle normative vigenti, consenta il riposo per due settimane consecutive nel corso dell’anno. Le emergenze non si affrontano, anzi vengono scaricate sui lavoratori chiedendo, ad esempio, di anticipare le somme dovute per l’intervento dei mezzi di soccorso, che poi non vengono restituite”.

“Tutto questo consegna una situazione totalmente fuori controllo con un consiglio di amministrazione che ha lavorato per rilanciare le aziende nel rispetto del piano concordatario, ma che oggi si rivela inaffidabile ed incapace di costruire relazioni sindacali, in un momento decisivo per il futuro del gruppo”.

La FILT-CGIL dell’Umbria conferma l’interruzione della trattativa per il passaggio aziendale sino a quando non ci sarà regolarità nelle spettanze, così come riconferma lo stato di agitazione che si potrà concretizzare, con iniziative e mobilitazioni, che i rappresentanti dei lavoratori valuteranno nei prossimi giorni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*