Asm Terni spa: sindacati e Rsu invitano a corrette relazioni industriali

Asm Terni spa

Assemblea dei lavoratori indetta da Fp Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Ambiente e Rsu – All’ordine del giorno anche le dimissioni del Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

(umbriajournal by Avi News) – TERNI “Le lavoratrici e i lavoratori dell’Asm Terni spa hanno invitato la Rsu aziendale e le organizzazioni sindacali di categoria a presentarsi nei confronti dell’azienda il più possibile coesi, per opporsi a varie mancanze, invitando l’Asm al recupero di corrette e costruttive relazioni industriali, chiamandola a un costante dialogo in cui vengano condivise le scelte, sia in tema di strategie aziendali sia a riguardo dell’organizzazione del lavoro, con la massima trasparenza, attraverso regole certe condivise dalle parti e non più con l’assoluta anarchia che regna sovrana da troppo tempo”. È quanto emerso dall’assemblea dei lavoratori e delle lavoratrici del settore Igiene ambiente di Asm Terni Spa, riunita su convocazione delle organizzazioni sindacali Fp Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Ambiente, rappresentate rispettivamente da Giorgio Lucci, Lucio Sciarrini, Stefano Cecchetti e Daniele Frascangeli, congiuntamente alla Rappresentanza sindacale unitaria (Rsu) aziendale.

Dimissioni del rappresentante dei lavoratori Una riunione che aveva all’ordine del giorno anche le dimissioni del Rappresentante dei lavoratori per la salute e la sicurezza (Rlss) “dovute – informano i sindacati in una nota – all’atteggiamento tenuto dal presidente dell’Asm, Carlo Ottone, in occasione della riunione di fine anno del 15 dicembre scorso, quando ha ribadito più volte che aver fatto intervenire la Asl territoriale in un momento determinante per la vita aziendale non fosse opportuno, dimenticando che da mesi alcuni dipendenti, a causa della mancata assegnazione degli stipetti atti a riporre gli indumenti da lavoro, erano costretti a portare gli stessi indumenti a casa, in violazione del Testo unico sulla sicurezza e salute nei posti di lavoro”.

Imposizione di relazioni industriali non corrette “L’assemblea – prosegue la nota dei sindacati – ha unanimemente condannato tale gesto specifico e questo continuo atteggiamento aziendale di imposizione di relazioni industriali per nulla corrette e troppo fumose, rispetto a problemi di carattere gestionale che lasciano molto a desiderare in tema di trasparenza e salvaguardia delle condizioni di lavoro”. Secondo i sindacati “anche dal versante progettuale, circa il futuro di Asm Terni Spa, non vi sono segnali di autonomia gestionale ma tutto è lasciato alle decisioni del Consiglio comunale che decide su tutto, tanto da non concedere ai vertici aziendali nemmeno le giuste informazioni, che sono lasciate alla stampa”.

Necessari rapporti trasparenti e costruttivi Le organizzazioni sindacali si impegnano “da subito a concertare con la Rsu del settore Igiene Ambiente di Asm Terni Spa le linee sindacali unitarie atte a rimuovere le ostilità aziendali a rapporti trasparenti, costruttivi e condivisi con i propri dipendenti che tutti i giorni offrono il loro contributo affinché sia raggiunta la massima soddisfazione dell’utente ternano, incontrando tuttavia non pochi disagi dovuti a gravi mancanze organizzative”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*