#UmbriaVerso, iscrizioni già a quota 400. Ci saranno anche Bonaccini e Ricci

PERUGIA – Quando mancano ancora quattro giorni a #UmbriaVerso, il grande evento targato Pd per costruire dal basso il progetto per l’Umbria del 2020, le iscrizioni ai tavoli di lavoro – 35 in tutto – superano già abbondantemente quota 400, con qualche tavolo già chiuso per eccesso di richieste, come quello sul turismo, e alcuni prossimi alla chiusura come quelli su riforme istituzionali, buona scuola, edilizia e piani regolatori a volumi zero. Le iscrizioni rimangono aperte fino al raggiungimento di un limite di 20/25 persone a tavolo, per garantire spazio e tranquillità alla discussione. Continuano ad arrivare anche le adesioni che contano.

Oltre a Debora Serracchiani, la vice segretaria nazionale dei Democratici, alla presidente Catiuscia Marini e a tutti i parlamentari umbri del Pd, hanno confermato la loro presenza il governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini, il presidente della commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano, il sindaco di Pesaro Matteo Ricci. “Con #UmbriaVerso abbiamo voluto raccontare di un Pd che vuole stare sui temi – sottolinea il segretario regionale Giacomo Leonelli – e che ci vuole stare in maniera innovativa, con serietà e responsabilità. Il successo che stiamo raccogliendo in termini di attenzione e di adesioni è il segnale che il verso è quello giusto”.

Intanto, in piazza della Repubblica, sede del Pd Umbria, i preparativi si fanno frenetici mentre si definiscono gli ultimi dettagli. L’appuntamento è, a partire dalle 10, al Lyrick di Assisi.

I lavori avranno inizio alle 10.30 con l’introduzione del segretario Leonelli e i saluti istituzionali. Dalle 11.30 prenderanno il via i tavoli di lavoro. Dopo la pausa pranzo, intorno alle 15.30, ci sarà una sessione plenaria con gli interventi di quanti vorranno portare il proprio contributo, della vicesegretaria Serracchiani e della presidente Marini.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*