Tennistavolo, niente da fare per Istituto Leonardi, Marcozzi Cagliari è più forte

Nella quarta giornata di ritorno del campionato a squadre di Serie B2, l’Istituto Leonardi Perugia perde di misura in casa contro la Marcozzi Cagliari. Agli ordini del Giudice Arbitro Carlo Bronzi di Foligno, gli atleti perugini hanno affrontato con grinta e determinazione gli avversari cagliaritani che pur secondi in classifica, hanno molto sofferto e vinto questa partita solo per 5-4.

Nel primo incontro l’atleta perugino Matteo Malizia ha tentato invano di avere la meglio sul giovane Mario Bistrussu che si è aggiudicato il match per 3 a 1. Subito dopo Federico Poeta e Massimo Ferrero hanno dato spettacolo al pubblico presente portando la loro partita al quinto set, dopo che il perugino Poeta aveva vinto per la prima volta in stagione due set consecutivi. Ferrero si porta sul due pari e nel quinto parziale il giocatore di casa si arrende solo ai vantaggi (14-12).

Sul 2 a 0 per i sardi il capitano Gianluca Alunni riapre l’incontro vincendo per 3-0 contro Federico Concas. Nel match successivo la squadra cagliaritana allunga di nuovo grazie a Ferrero che si impone per 3 a 1 su Malizia; tocca di nuovo al capitano umbro ridare vita alla partita imponendosi per 3-0 sul giovane Bistrussu.

Federico Concas porta il punteggio sul 4- 2 battendo Poeta; è nell’ incontro successivo che Gianluca Alunni tira fuori tutta la sua grinta, la sua tecnica e la sua esperienza contro l’asso della Marcozzi Massimo Ferrero (3-0): per Gianluca Alunni si tratta di 3 vittorie su 3 incontri.

A questo punto la squadra perugina ci crede e Matteo Malizia pareggia i conti vincendo contro Concas (3-1), ma nella nona e decisiva partita il giovane Poeta nulla può contro Bistrussu, perdendo per 3-0.

Classifica

22 ASD TT OIKOS SBT
16 ASD MARCOZZI B2
12 A.S.D. MURAVERESE TENNISTAVOLO
12 A.S.D. FUTURA 94 – OPEN INFORMATICA
10 T.T. ARIANO IRPINO
8 A.S.D. ROMA12
6 ASD TT. MITICI COLLEFERRO
2  ISTITUTO LEONARDI PERUGIA

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*