RPA - PERUGIA CONQUISTA UN POSTO IN COPPA ITALIA

<p>(UJ.com) PERUGIA - Si chiude in quattro set la partita tra RPA e e Prisma Taranto e con questa vittoria per 3-1 Perugia conquista un posto in Coppa Italia dopo averla mancata per tre anni consecutivi. La <b>RPA-LuigiBacchi.it</b> si porta velocemente sull'8-4 nel primo set. Dopo l'ace di Cernic Montagnani chiama il time out. Perugia allunga sul turno di servizio di Cernic:11-4. Il 16-6 matura con tre ace consecutivi di Stokr. Prova  a recuperare qualche punto Taranto che accorcia le distanze fino al 20-14: Sartoretti chiama il time out. E la RPA chiude 25-17. Per ora tutto facile, per ora però.  Prende ancora il comando della partita Perugia anche nel secondo parziale. Ma la distanza è minore e con l'ace di Abbadi la Prisma aggancia Perugia a quota sei. L'8-7 matura con il punto di Sintini. <br /><br />Le squadre proseguono di pari passo. 11-12: primo vantaggio dell'incontro per Taranto. 16-15 al secondo time out tecnico. Un errore in attacco degli ospiti riporta la RPA a più due. Un vantaggio che dura poco perchè i pugliesi si rifanno sotto. Parziale molto equilibrato rispetto al primo. La RPA non riesce ad allungare. Gran punto di Savani per il 22 dei biancorossi, con la Prisma ad un punto. Poi Stokr a segno. I padroni di casa sono a più due. Time out Montagnani. E' Cozzi a schiacciare e fare punto. Ma Vigor regala il primo set point anullato da Cozzi. Anche la seconda possibilità è fermata dal muro di Taranto. Si va ai vantaggi. Hubner annulla il setpoint degli avversari. 27-27 per poi sbagliare la battuta. Chiude Taranto: 27-29. <br /><br />Tutto da rifare per la RPA-LuigiBacchi.it. Gli ospiti sono tornati prepotentemente in partita. Sul 3-6 Sartoretti chiama il time out e i biancorossi recuperano terreno e con il muro vincente di Savani Perugia raggiunge Taranto sul 7-7 superandola con l'ace di Cernic. La Rpa guadagna terreno: 13-10. Ma i pugliesi non mollano. I biancorossi riescono a tenere la testa avanti: 16-14. Sul turno di battuta di Cernic i padroni di casa riescono a portarsi sul 18-14 per poi subire il ritorno della squadra di Montagnani che torna a meno due per poi pareggiare: 22-22. Perugia si complica la vita ma arriva l'errore in battuta di Abbadi ma lo stesso fa Nemec. Set point Perugia con Hubner a segno subito annullato da un attacco di Rivaldo. Savani regala, in pipe, una seconda opportunità ai suoi. Ci pensa il muro di Stokr a fare il 2-1 26-24. Al primo time out tecnico del quarto set è Perugia ad avere la testa avanti: 8-7 che mantiene fino al secondo time out tecnico. Sul 18-16 per la RPA Montagnani ferma il gioco. Taranto riesce a pareggiare dopo un errore di Sintini e un ace di Rivaldo: 19-19. Il nervosismo, per una contestata decisione arbitrale costa il giallo a Savani. 21-21. Ma Perugia si riporta avanti, Stokr mette giù il punto 23. Poi un errore in battuta porta Taranto a meno uno. Con Stokr arriva il primo matchpoint annullato dagli avversari. Ancora una possibilità per Perugia che chiude 25-23.<br /><br />Jan Stokr, opposto Perugia Volley:"Non credevo che avrei giocato così questa sera. Era un pò di tempo che non mi sentivo al massimo, ma sono molto soddisfatto della mia prestazione e, soprattutto, della vittoria. Savani, anche questa sera, ha dimostrato di essere un grandissimo giocatore. Per noi era fondamentale vincere questa sera, la posta in palio era troppo alta. Torniamo a giocare in Coppa Italia".<br />Alberto Elia, centrale Prisma Taranto:"Eravamo venuti a Perugia per vincere. Il primo obiettivo della stagione era l'ottavo posto alla fine del girone di andata. Non ci siamo riusciti, ma questa sera abbiamo dimostrato ancora una volta che siamo una squadra combattiva. Volevamo aggredire gli avversari ma in realtà nel primo set li abbiamo decisamente subiti. Poi siamo stati più attenti ed incisivi anche con la battuta. Non è la prima partita che giochiamo nella quale costringiamo squadre forti a giocarsela ai vantaggi. Siamo una squadra nuova e dobbiamo seguire le indicazioni del nostro allenatore che ci fa lavorare molto. Ora dobbiamo giocare per l'ottavo posto alla fine del campionato".</p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*