RIORGANIZZAZIONE - SIGLATO L'ACCORDO PER LA POLIZIA PROVINCIALE

<p>(UJ.com) PERUGIA - E’ partita la riorganizzazione in Provincia. Con la firma dell’accordo con la Rsu aziendale, i vertici della Provincia di Perugia hanno siglato una prima importante parte della riforma dell’Ente, quella che riguarda la Polizia Provinciale. “Un contributo alla sicurezza – sottolinea il Presidente dell’Ente Marco Vinicio Guasticchi - che prevede un incremento delle dotazioni organiche insieme ad un percorso di qualificazione professionale continuo”.</p>
<p>E’ stato infatti trovato l’accordo definitivo tra il Vice Presidente della Provincia Aviano Rossi, che ha curato la parte tecnica del percorso, e le organizzazioni sindacali. Punti nodali dell’accordo appena siglato: potenziamento del Corpo di Polizia che passa dagli attuali 68 al totale a regime di 130; si darà avvio al potenziamento per 25 unità con mobilità interna; la mobilità prevede un colloquio quale prova d’esame e valutazione attitudinale.</p>
<p>L’incremento di personale avverrà senza procedere ad alcuna assunzione, ma semplicemente attraverso un bando di mobilità interna aperto al personale già dipendente. Il bando è già stato emanato il 9 novembre 2009 scorso per 25 posti e scade il prossimo 24 novembre. La prova attitudinale si terrà durante il mese di dicembre per assegnare il personale al nuovo impiego, dopo un primo addestramento, a partire dall’1/1/2010. E adesso si procederà con il resto della riorganizzazione dell’Ente che, come annunciato dal Vice Presidente della Provincia Rossi, verrà presto consegnata agli organi istituzionali e che punterà a risultati migliori con minori spese, utilizzando il turn over, modificando la struttura organizzativa del lavoro, alleggerendo l’apparato con accorpamento di funzioni per permettere nuovi investimenti.</p>
<p>Una forma di ottimizzazione dei processi, passando dalla gestione delle risorse allo sviluppo delle risorse umane con migliore impiego, formazione e comunicazione organizzativa.</p>
<p> </p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*