Processo Spaccino, sentito il padre di Barbara

(UJ.com) PERUGIA – da Palazzo di Giustizia <b>Luana Pioppi</b> - Roberto Spaccino c’era anche questa mattina a Palazzo di Giustizia. L’ex camionista di Compignano di <b>Marsciano</b>, accusato di aver ucciso la moglie Barbara Cicioni incinta all’ottavo mese, ha presenziato per tre giorni consecutivi in Corte d’Assise, a Perugia, dove si sta tenendo il suo processo.<br /><br />Ad essere sentito questa mattina in aula e' stato il padre della vittima, Paolo Cicioni. Spaccino ha ascoltato la deposizione sempre a testa bassa. Nell’Aula degli Affreschi sono stati ripercorsi  alcuni passaggi delle violenze verbali e fisiche cui sarebbe stata <b>sottoposta</b> Barbara. Dai segni sul viso, alle coltellate che Roberto avrebbe dato al dolce di compleanno acquistato in onore della figlia dai suoi genitori.<br /><br />Ed ancora il racconto della figlia, di seconde nozze, di Paolo, Giulia Cicioni, che ha dichiarato che Nicolò, primogenito di Barbara, diceva che il padre aveva ucciso la mamma. Una <b>deposizione</b> forte e sentita nella quale il padre della giovane vittima ha più volte sottolineato l'indifferenza di Roberto Spaccino nei confronti dei gesti affettuosi dalla moglie. Nel pomeriggio è in programma l’audizione di Simonetta Pangallo, madre di Barbara.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*