PRENDE FORMA IL PROGETTO ORVIETO USHUAIA CLASSICA DAL 10 AL 24 LUGLIO 2010

<p>(UJ.com) ORVIETO - Appena tornato da Ushuaia (Tierra del Fuego in Argentina), il Sindaco Antonio Concina anticipa i contenuti dell’accordo pluriennale che ha concluso con il Direttore Artistico del Festival Internacional de Ushuaia, Jorge Uliarte, per replicare e implementare ad Orvieto dal 10 al 24 luglio prossimi il <b>programma</b> del festival attualmente in corso di svolgimento dal 2 al 17 aprile, in Argentina. Un’edizione molto speciale essendo uno degli eventi con i quali quella nazione celebra il suo Bicentenario.</p>
<p> </p>
<p>“Il progetto ORVIETO USHUAIA CLASSICA (Il Centro del Mondo - El Fin del Mundo) – afferma il Sindaco Concina – è un’ottima opportunità per ridare a Orvieto quelle pulsioni culturali assenti da tempo, e quantomeno ampliarle. Il progetto è quello di valorizzare ulteriormente la nostra città come meta di turismo culturale. Il format del festival prevede una organizzazione semplice ma perfetta per quindici giorni di ottima musica classica, che condividerò con Ludovica Rossi Purini, Presidente dell’Associazione che sostiene l’Accademia di Santa Cecilia e Vincenzo Bisconti dell’omonimo studio media center e organizzazione di eventi”. “Il programma – prosegue - si annuncia davvero bello ed avrà coperture mediatiche internazionali.</p>
<p> </p>
<p>Una recente ricerca norvegese ha scientificamente dimostrato che se l’Europa è il centro del mondo, l’Italia è il centro dell’Europa e Orvieto è il centro dell’Italia… Quindi, Orvieto è il Centro del Mondo e Ushuaia è realmente la Fine! Insomma, un festival capace di attrarre nella nostra città in un periodo dell’anno già animato da diverse iniziative di formazione nel campo della musica classica rivolte a studenti italiani e stranieri, un vasto pubblico di appassionati ed estimatori della musica. Ma anche una manifestazione dove sarà possibile unire la musica alle bellezze artistiche e monumentali di Orvieto e non solo, perché non trascurerà le eccellenze enogastronomiche di territorio”. L’accordo è stato perfezionato agli inizi di aprile ad Ushuaia dove il Sindaco ha presenziato all’apertura della 6^ edizione del Festival Internazionale.</p>
<p> </p>
<p>Il festival di musica classica più australe del mondo e uno dei più importanti d’America, conosciuto anche come “La Gala del Fin del Mundo”, patrocinato dalle più alte istituzioni del governo argentino. In quell’occasione, il 2 aprile scorso il Sindaco Concina ha incontrato la Presidente della Repubblica Argentina Cristina Fernàndez de Kirchner in occasione del concerto fuori Festival che si è tenuto in memoria dei caduti nella guerra delle isole Malvinas. Il giorno successivo ha preso parte all’inaugurazione ufficiale del Festival con la Governatrice della Provincia de Tierra del Fuego Fabiana Rios. Infine, ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione della <b>piazza</b> Giuseppe Verdi insieme all’Intendente (Sindaco) di Ushuaia Federico Sciurano.</p>
<p> </p>
<p>Quest’ultimo ha accolto con “entusiasmo e disponibilità l’idea di sviluppare un reciproco rapporto di collaborazione fra Orvieto e Ushuaia per esportare e promuovere dall’Europa centrale fino alla fine del mondo un festival di musica classica così importante”. L’edizione 2010 del Festival di Ushuaia è molto speciale ed è stata eletta dalla Presidente della nazione come uno degli eventi con i quali l’Argentina celebra il suo bicentenario. Il concerto di apertura è stato anche un <b>omaggio </b>ai caduti delle Isole Malvinas, con l’esecuzione del Requiem di Mozart da parte dell’Ushuaia Filarmonica diretta dal Maestro Jorge Uliarte ed il Coro Polifonico Festival Ushuaia con solisti provenienti anche dall’Italia come il celebre tenore Dario Volontè.</p>
<p> </p>
<p>L’orchestra Filarmonica di Ushuaia è formata da 70 musicisti provenienti da diversi paesi latino-americani e da alcuni paesi europei, quasi tutti membri della Estable Orquesta del Teatro Colon. Fra questi: Vera Cirkovic (mezzo-soprano, Francia), Einar Steen-Nokleberg (pianoforte, Norvegia), <b>Xavier Inchausti</b> (violino, Argentina), Goran Filipec (pianoforte, Croazia), Katia Borrisov (pianista del Mozarteum di Salisburgo, Austria), Valentin Surif (pianoforte, Argentina), Virginia Luque (chitarra, Spagna) ed inoltre, gruppi cameristici come Sphera Antiqva Baroque Orchestra (Spagna), I Solisti di Paulinia (Sao Paulo, Brasile), il Cui Quartet (Messico) e la Camerata di San Juan (Argentina). Infine, i direttori d’orchestra Luca Garbini (Italia), Paul Dzodan (Argentina) e soprattutto Jorge Uliarte (Argentina / Austria).</p>
<p> </p>
<p>Un simbolo di integrazione ed un messaggio di convivenza, armonia e bellezza tra le diverse culture, dunque, che giunge dalla punta meridionale dell’Argentina. Tra gli eventi speciali di questa 6^ edizione c’è, infine, la prima mondiale di un’opera inedita del compositore italiano Giovanni <b>Francesco Anerio</b> (1567-1630), in collaborazione con il governo italiano e con il Vaticano. Inoltre, come è tradizione, il festival ha in programma concerti, lezioni e conferenze gratuite alla comunità, in collaborazione con il Comune e la Provincia di Ushuaia e Rio Grande Tolhuin.</p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*