PER 5 WEEKEND GUSTOSI, NON SPREMETE LE MENINGI. SPREMETE LE OLIVE. C’È “FRANTOI APERTI”

<p>di <b>Danilo Nardoni</b> (Uff stampa) (UJ.com) TREVI - Ancora una volta l'Umbria sarà la capitale italiana dell'Olio Extravergine d'Oliva DOP. Si continua così a festeggiare l’olio nuovo, con una serie di ricche e suggestive iniziative, ancora per altri tre fine settimana, fino all’ 8 dicembre. Frantoi Aperti mostrerà nuovamente il profumo, il sapore, il fascino delle olive che diventano olio. E poi non mancherà musica, teatro e arte, per un unico e variegato percorso gastronomico-culturale che farà scoprire territori unici, borghi e frantoi aperti. Frantoi Aperti nasce per promuovere la cultura dell’olio extravergine d’oliva Dop Umbria in abbinamento con le produzioni agroalimentari tradizionali e in stretto legame con le altre ricchezze del territorio regionale, e dalle sue prime battute (nei fine settimana del 7-8 novembre e 14-15 novembre scorsi) si è confermato come un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di gusti unici, per chi vuole andare alla ricerca di arte e di iniziative culturali e per gli amanti di un turismo a dimensione d’uomo.</p>
<p>Intanto tutto è pronto per i prossimi imminenti appuntamenti. Ora, dopo le iniziative dei due weekend di successo iniziali (“Festivol” a Trevi, “Spoleto Tipica” a Spoleto, “La Mangiaunta” a Giano dell’Umbria, “Frantotipico” a Castel Ritaldi e le iniziative al Lago Trasimeno e all’Isola Polvese), il 21 e 22 novembre prossimi Frantoi Aperti proseguirà ancora con l’iniziativa “Spoleto Tipica” (www.comune.spoleto.pg.it), con “Sapere di pane, sapore di olio, bianco &amp; verde tra i castelli” a Gualdo Cattaneo (www.comune.gualdocattaneo.pg.it) e a Valtopina con la 29esima edizione della “Mostra Mercato Nazionale del Tartufo” (www.comune.valtopina.pg.it). Non mancheranno, quindi, tanti altri sapori e gusti che si uniranno in un matrimonio felice con l’olio Dop Umbria. E poi si potranno visitare i tanti frantoi aperti per l’occasione, che continueranno ad accogliere i visitatori mostrando quello che c’è dietro un prodotto eccezionale come l’olio. L'iniziativa, che si snoda tra i territori dell’Umbria alla scoperta del suo prodotto più rappresentativo, è un percorso in cui gusto, arte e cultura si uniscono con l'obiettivo di promuovere e valorizzare la Denominazione di Origine Protetta "Umbria".</p>
<p>Saranno ancora 31 i frantoi aperti che, nei 10 comuni ad alta vocazione olivicola aderenti all’iniziativa (Trevi, Spoleto, Giano dell’Umbria, Castel Ritaldi, Valtopina, Gualdo Cattaneo, Castiglione del Lago, Spello, Montecchio, Campello sul Clitunno), organizzeranno degustazioni e momenti di spettacolo dedicati alla promozione della Dop Umbria. Ecco i 31 frantoi dell'Umbria che saranno aperti per accogliere i tanti visitatori: Amelia (Oleificio Coltivatori Diretti di Amelia soc. coop. Arl, Frantoio Reggia dell'olio); Assisi (Le vecchie macine s.a.s); Arrone (Frantoio oleario Bartolini Emilio &amp; c. s.n.c.); Bettona (Azienda agricola Mannelli Giulio); Bevagna (Antico frantoio Nunzi); Campello sul Clitunno (Azienda agraria frantoio Marfuga, Frantoio oleario eredi Gradassi Andrea s.n.c.); Castiglione del Lago (Cooperativa oleificio Pozzuolese, Frantoio di Isola Polvese); Foligno (Olio metelli, Il castello Trampetti srl, Az.agraria Clarici Pier Domenico);</p>
<p>Gualdo Cattaneo (Az. agraria Bacci Noemio, Frantoio Rinalducci); Giano dell’Umbria (Azienda agraria Tini e del Sero Giuseppe, Frantoio speranza di Massucci Valeria, Oleificio Bartoloni sas, Frantoio flamini di Flamini Sabatino); Magione (Frantoio mancianti s.r.l.); Montecchio (Al vecchio frantoio f.lli Bartolomei); Olmo (Frantoio berti s.n.c); Spello (Frantoio di spello uccd, Frantoi ragani, Frantoio azienda agraria hispellum); Spoleto (Monini s.p.a - Frantoio del poggiolo s.s.); Trevi (Cooperativa di trevi Arl, Frantoio gaudenzi, Società agricola trevi Il Frantoio); Todi (Frantoio la casella di Scassini Paolo); Valfabbrica (Podere castagna alta). Ricordiamo che la XII edizione di Frantoi Aperti quest’anno è organizzata dalla Comunità Montana Monti Martani Serano e Subasio e dalla Strada dell'Olio Dop Umbria, in collaborazione con il Consorzio di Tutela dell'Olio Extra Vergine di Oliva Dop Umbria e con l’Associazione Nazionale Città dell'Olio.</p>
<p>Una collaborazione di soggetti che ha permesso l’allestimento di un programma molto complesso e variegato. Successivamente al weekend del 21 e 22 novembre, per altri due fine settimana e fino all’ 8 dicembre, si potranno nuovamente scoprire borghi e frantoi dell'intera regione, attraverso itinerari ideati per conoscere le cinque sottozone dell'Olio Dop Umbria: Colli del Trasimeno, Colli Orvietani, Colli Amerini, Colli Assisi-Spoleto, Colli Martani. Pertanto saranno ancora tante le iniziative legate all'olio, alla cultura e alla gastronomia dell'Umbria che si svolgeranno nei comuni aderenti all'evento. Ecco gli appuntamenti in programma per i prossimi weekend:</p>
<p> </p>
<p> </p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*