Pd Perugia, su revisione spesa bilancio Comunale: “Spettacolo indegno”

Bilancio Previsione, Giunta Perugia fiscalità giusta e rilancio investimenti
Palazzo dei Priori

Nella commissione bilancio svoltasi questa mattina, durante la quale si è discussa la relazione di Calabrese  sulla revisione della spesa è andata in scena uno spettacolo indegno per un consesso democratico istituzionale. Il bilancio del nostro Comune è un tema serio e delicato e la discussione sullo stesso dovrebbe essere altrettanto seria, precisa e soprattutto gestita da persone altamente qualificate. L’assessore Bertinelli, invece, non sapendo cosa dire ha parlato ma non ha detto nulla. Alle domande presentate dai consiglieri l’assessore ha sorvolato parlando dell’approvazione del rendiconto 2014, prendendosi meriti non suoi sul recupero del disavanzo tecnico che, non la giunta Romizi, ma il Governo nazionale con un decreto interministeriale ha previsto la possibilità di spalmare il fondo crediti di dubbia esigibilità su trenta anni. Alla richiesta di conoscere non solo le uscite, ma anche le entrate e la qualità delle uscite l’assessore, al solito, ha risposto evasivamente, così come l’assessore Calabrese non ha risposto alla richiesta di una quantificazione del risparmio che si prevede si possa ottenere sulla base delle indicazioni previste dalla sua relazione. Sei mesi di sedute settimanali della commissione per la revisione della spesa e la Giunta non è in grado di quantificare i risparmi derivanti dai tanti tagli.  A domande specifiche su spese per trasporti e istruzione la risposta è stata lacunosa, rimandando determinati temi ai dirigenti, ammettendo la sua totale insipienza su temi cardine del bilancio e vagheggiando la speranza che la Regione arrivi in loro aiuto a rimpinguare le casse comunali. E il piano investimenti del Comune? Nessuna risposta, evidentemente non esiste nessuna progettualità futura.  D’altronde non ci si poteva aspettare più di tanto da chi fa l’assessore come “passatempo” e da chi in commissione si comporta come se fosse al bar.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*