Omicidio del Broletto, il “secondo uomo” va in Questura da solo

(UJ.com) PERUGIA – La Polizia l’ha braccato per qualche giorno e lui si è presentato spontaneamente. È un algerino di 19 anni il “secondo uomo” ripreso dalle telecamere sotto il porticato del palazzo della Regione. In quell’occasione un suo amico, che è stato già arrestato, aveva sferrato una coltellata mortale a Kingsley Eninmaruhamwan, nigeriano di 24 anni. Alcune immagini dell' omicidio erano state riprese - come detto - da una telecamera situata in piazza. Martedi' scorso la polizia aveva fermato e poi arrestato Lohiji Nassredin, di 25 anni, clandestino tunisino e senza fissa dimora, che aveva confessato l' omicidio, sostenendo di avere avuto una lite con il nigeriano che in passato lo aveva insultato ed offeso. Una versione che pero' non ha convinto del tutto gli inquirenti, anche perche' l' ucciso aveva in tasca una piccola quantita' di droga. Le indagini della mobile, coordinate dal pm. Manuela Comodi, sono proseguite alla ricerca dell' altro nordafricano che compare nelle immagini della telecamera. Mercoledi' scorso al parco della Verbanella era stato invece accoltellato un nordafricano. Alcuni testimoni avrebbero riferito che era stato visto discutere con persone di colore. Gli inquirenti non escludono collegamenti tra i due fatti di sangue, inquadrandoli in una sorta di regolamento di conti tra due bande opposte, di nigeriani e maghrebini. E sempre come ipotesi investigativa non viene escluso che il giovane algerino che stamanisi e' presentato alla polizia lo abbia fatto perche' temeva per la propria vita. Ha detto di essere minorenne ma gli accertamenti medici cui e' stato sottoposto gli hanno attribuito almeno 19 anni.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*